Associazione Radici, riunione dei coordinatori regionali. Soreca: “La Ricciardi ricorda la De Girolamo. Farà la sua fine ingloriosa”

Nella giornata di ieri 5 giugno, si sono incontrati i coordinatori regionali della Associazione (meridionalista) Radici.
All’incontro, oltre al coordinatore regionale Valentino Soreca, hanno partecipato il Coordinatore provinciale e quelli cittadini per discutere la relazione sulle preoccupanti notizie che allertano la perdita di posti di lavoro al Meridione (già nel primo trimestre del 2019 le ore di cassa integrazione al Sud sono aumentate del 28,59%, mentre al Nord-Est sono calate del 15,32% rispetto allo stesso periodo del 2018)
“Nel frattempo che il M5s “festeggia” il suo primo anno di governo, la Senatrice “grillina” (Ricciardi) eletta al Sud, invece di trattare seri argomenti che stanno impoverendo il nostro territorio e tutto il Meridione, si diletta in note stampa che ricordano una rivisitazione delle “focose dispute politiche” della Nunzia De Girolamo (già Ministro della Repubblica) nei confronti di Sandra Lonardo (terminate con la fine di una brillante carriera politica)”, ha ribadito Soreca in apertura dell’incontro.
” Chi non si informa solo ed esclusivamente attraverso la “piattaforma Rousseau”, in questi giorni apprende dalla “libera stampa nazionale”, che da Alitalia a Whirpool, da Mercatone Uno ad Auchan sono 140 le crisi da risolvere per la salvaguardia di ben 210mila posti di lavoro.
Dall’incontro è emerso che, se questo “Governo rinacciato” non troverà in fretta una ricetta valida, sono a rischio (è bene ripeterlo) 210mila posti di lavoro, 18 mila dei quali legati all’ex rete italiana di Auchan e Simply acquisite da Conad a seguito della decisione del colosso francese di cedere i suoi 1.600 punti vendita e abbandonare il “bel paese”..
Al vicepremier Luigi Di Maio, è arrivata la convocazione del tavolo di crisi Whirpool, che paventa il rischio esubero per 1.350 dipendenti (in particolare per i 430 dello stabilimento di Napoli che il gruppo sarebbe intenzionato a vendere).
Ma di nomi “illustri” se ne sprecano: dalla Bluetec che avrebbe dovuto rilanciare l’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, dove 700 addetti restano in cassa integrazione, a Piaggio Aerospace, dove 500 dei mille addetti sono in cassa integrazione dopo che il governo ha cancellato un ordine da 250 milioni di euro per otto droni P.1HH ed in attesa di capire se arriveranno ordini per nuovi pattugliatori P180 e motori per gli MB339
E ancora: il rilancio dell’ex stabilimento Alcoa di Portovesme (650 lavoratori tra diretti e indiretti) resta in bilico a causa del costo dell’energia, la Antonio Merloni (750 addetti in cassa integrazione dal 2012) continua a soffrire la “crisi del bianco” resa più acuta dalla mancanza di credito, mentre è proprio nel credito la sorte di Banca Carige (350 gli esuberi preannunciati).
A tutto questo si aggiunga che si dovrebbero avviare al lavoro gli oltre 674mila del “reddito di cittadinanza” ma a causa dell’enorme ritardo per la selezione dei “Navigator” a tutt’oggi la procedura risulterebbe impossibile.
Infatti la Selezione nazionale dei candidati ammessi alla prova selettiva (come Navigator) è stata fissata dal 18 al 20 Giugno (sempre se si riuscirà ad espletare)
Della loro “piena operatività” se ne parlerebbe (quindi) ben oltre le festività estive e con essi (con ogni probabilità) anche i “controlli a tappeto” tanto enunciati.
Però (ironicamente) ci sono anche “buone notizie”. A fronte degli aumenti a cui i cittadini dovranno far fronte, chi percepisce una pensione dai 1.522 ai 2.029 euro lordi mensili (stimando una inflazione all’1,1%) riceverà un aumento mensile non più di 15 euro ma di 16euro e 25centesimi (un incremento di ben un euro e 25 centesimi da non sperperare)
Nel contempo le pensioni di invalidità non saranno aumentate a 500 euro (diversamente da come si era detto per rapportarle alle “pensioni di cittadinanza”)
Per la Nazione ed in modo particolare al Meridione, l’inizio dell’estate si preannuncia rovente, non solo metereologicamente ma, probabilmente, di tutto questo la senatrice Ricciardi se ne deve ancora rendere conto.
Parte del testo e dei dati riportati, sono stati estrapolati da notizie stampa nazionale mai smentite dagli Organi di Governo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.