Che fretta c’era, maledetta grandine

Benevento. Un inizio mese non proprio rassicurante per gli agricoltori e viticoltori del Sannio, che hanno visto distrutti in pochi minuti i propri raccolti da una beffarda grandinata.

Viti offese, olivi danneggiati da chicchi grossi e pesanti che non hanno risparmiato nulla, vanificando i sacrifici di chi lavora costantemente per offrire ai consumatori prodotti d’eccellenza.
Le zone più colpite risultano essere la valle telesina e caudina, dove in queste ore si contano i danni e si fa una stima delle perdite avute.
Il clima sta cambiando ormai da qualche tempo e la natura si ribella. Inverni miti, estati torride, stagioni di mezzo impazzite che danno neve a marzo e temperature fuori dalla media nei mesi freddi. Diventa difficile preservare la biodiversità e le specie autoctone. A risentirne maggiormente sono i terreni con i propri microclimi, e le tipicità del territorio arrancano.
Sarebbe opportuno riflettere ed implementare modelli di difesa e tutela del territorio in termini di ecosostenibilità ambientale. Tutto ciò potrebbe di certo aiutare i produttori e coltivatori a non rendere vani i propri sforzi e il lavoro nei campi.
Intanto, non possiamo esimerci dal sostenere con un forte abbraccio solidale tutti coloro che sono stati buttati giù dalla pioggia di ghiaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.