Claudio Mosè Principe aderisce ad Alternativa Popolare. A lui l’Organizzazione regionale

Claudio Principe è il nuovo responsabile regionale dell’Organizzazione di Alternativa Popolare.

L’ex assessore provinciale e comunale di Benevento, da sempre catalizzatore di un importante consenso personale, un passato da dirigente nazionale dell’Italia dei Valori e dell’Asinello che contribuì a fondare in Campania, è stato scelto da Gioacchino Alfano per l’organizzazione regionale di Ap.

Con lui hanno aderito al partito di Alfano numerosi sindaci, amministratori ed anche ex consiglieri regionali. “Ringrazio Principe ed i suoi amici che hanno scelto in Campania di condividere il nostro progetto, nella consapevolezza che assieme costruiremo la casa dei moderati. Queste nuove adesioni, che seguono quelle di altri amici, evidenziano la forza del nostro partito che può diventare la prima forze moderata in Campania”, prosegue Alfano che annuncia “per le prossime settimane la definizione del coordinamento regionale. Farò altre nomine che riguarderanno l’intero territorio regionale al fine di definire l’assetto del partito verso la sfida delle politiche”.

Claudio Principe, ex socialista,  è stato tra i registi dell’elezione a sindaco di Clemente Mastella. L’adesione ad Ap potrebbe far pensare ad un allontanamento dalle sorti di Mastella sindaco, il cui ex cerchio magico si sta assottigliando ogni giorno di più. 

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Un pensiero riguardo “Claudio Mosè Principe aderisce ad Alternativa Popolare. A lui l’Organizzazione regionale

  • Avatar
    12/07/2017 in 20:37
    Permalink

    Nonostante la politica stia vivendo un momento prolungato di crisi di consenso e di credibilità, le persone che vogliono entrare in politica sono aumentate. La politica evidentemente non è un settore in crisi, e non lo sarà mai a mio parere, vuoi per una questione economica, vuoi per il potere, vuoi per il prestigio, vuoi per una scommessa o una sfida, vuoi per passione.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.