Concorsi all’ospedale San Pio, Schipani all’attacco: “Esposto in Procura”

Abbiamo depositato, questa mattina, un esposto presso la Procura della Repubblica di Benevento per far valutare eventuali abusi d’ufficio ed elementi di illegimità, in merito ai i 2 Concorsi a tempo determinato e indeterminato di Collaboratore Amministrativo banditi dall’Azienda ospedaliera S. Pio“, così Giuseppe Schipani, presidente di Io X Benevento, nel corso della conferenza di questa mattina.

Che aggiunge: “Come già preannunciato, ribadiamo che presso la sede della nostra Associazione si sono presentati alcuni giovani di Benevento, in possesso della Laurea Triennale, per manifestare il proprio scoramento, rammarico e disappunto relativamente a quanto nuovamente successo presso l’Azienda Ospedaliera S. Pio di Benevento circa i bandi di concorso a tempo determinato e a tempo indeterminato per Collaboratore Amministrativo scaduti da alcuni giorni.

Sono gli stessi giovani che avevano partecipato al bando a tempo determinato, indetto dal Direttore Pizzuti, ai sensi dell’art.15 octies che videro la partecipazione di circa 800 concorrenti e che in fretta e furia furono revocati dopo le denunce, anche apparse sugli organi di stampa, con tanto di minacciata anticipazione dei nomi dei vincitori, grazie a bandi a dir poco “personalizzati”. 

I segnalatori, lamentano, nuovamente, l’ ABUSO perpetrato nei loro confronti da parte della Direzione Generale dell’Ospedale presieduta questa volta dal Dott. MARIO NICOLA VITTORIO FERRANTE che ha bandito questi 2 concorsi in dispregio di leggi, regolamenti e circolari non richiedendo e quindi escludendo, contra legem, dalla partecipazione coloro che sono in possesso delle lauree triennali di cui al  DM 509/99 e DM 270/04.

Probabilmente IGNORA quanto previsto dalla Circolare n. 4/2005 del Dipartimento della Funzione Pubblica e che quindi la dicitura “Diploma di Laurea” dell’art. 42 del D.P.R. 220/2001, che consente l’accesso alla procedura concorsuale anche ai possessori di Laurea Triennale di cui al DM 509/99 e DM 270/04.

Inoltre abbiamo ricevuto anche diverse segnalazioni da parte di familiari di militari circa l’ulteriore ABUSO relativo alla mancata applicazione della riserva dei posti nella graduatoria a favore dei militari volontari delle Forze Armate (VFP1, VFP4 e VFB) congedati senza demerito dalle ferme contratte nonché agli ufficiali di complemento in ferma biennale e agli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta  in attuazione dell’art. 11 del D.Lgs. 8/2014 e dell’art. 678 e 1014 del D.Lgs n. 66/2010.

Ma a completare l’ ILLEGITTIMITA’ e l’ ABUSO ci è stato segnalato da molti nostri associati, che non è stata prevista la riserva dei posti banditi ai sensi della legge n. 68/1999, relativa alle «Norme per il diritto al lavoro dei disabili», nei limiti della percentuale ivi prevista che su un numero di 19 posti di collaboratore scatta sicuramente. Eppure, con tre laureee e due master, bastava copiare qualche concorso simile per scoprire che lauree triennali, militari e disabili DEVONO obbligatoriamente partecipare e che per alcuni è anche prevista una quota di riserva.

Oltre alla Procura per rilevare eventuali abusi, abbiamo inoltrato la denuncia anche all’ANAC ed invieremo le nostre osservazioni anche al Governatore De Luca per chiedere come è possibile che il nuovo direttore generale Mario Ferrante batta le stesse strade di illegalità e abusi del suo predecessore Renato Pizzuti?

Per ciò che riguarda un’altra istanza, relativa all’accesso di alcuni atti ( ditta che eroga servizio di pulizie e somministrazione lavoro G.Group), non ancora evasa dalla Direzione Generale, a giorni scadono i termini previsti dalla normativa vigente, pertanto, invitiamo il Direttore a rispondere al più presto altrimenti saremo costretti a depositare un’altra denuncia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    Ok No thanks