Consulta donne, Callaro: “Presenza importante, la soggettività femminile è sotto attacco”

Si è tenuta oggi, presso l’Aula consiliare, l’elezione della Consulta delle donne, l’organo consultivo dell’amministrazione comunale di Benevento, nato per la valorizzazione della figura femminile nell’ambito delle Pari
Opportunità.

Alle elezioni hanno partecipato le donne che risposero all’avviso pubblicato dall’amministrazione comunale di Benevento lo scorso aprile.

A conclusione dello scrutinio risultano elette: Giovanna Annese, Adele Rubino, Maria Giuseppa Fanzo, Angela De Nisco, Rita Gentile, Alda Parrella .   

Ad esse si aggiungeranno, come previsto dal Regolamento approvato con delibera del Consiglio comunale, tre componenti che saranno  nominate in modo diretto dal sindaco Clemente Mastella. 

“Sono particolarmente soddisfatta di aver concluso un percorso avviato da diversi anni – dichiara Patrizia Callaro – ma che tuttavia tardava a realizzarsi. Sono certa che l’impegno delle donne della Consulta sarà fervido di attività di solidarietà, di supporto alle donne in difficoltà ed anche di convegni, di momenti culturali e di riflessione sulla condizione della donna nell’attuale società.

In un momento così delicato, in cui il fenomeno della violenza di genere appare in crescendo, questa Consulta può rappresentare un importante strumento di sensibilizzazione e valorizzazione  del ruolo delle donne nella nostra
società. Un modo efficace per poter permettere la piena realizzazione della “cittadinanza attiva”, anche attraverso la partecipazione alle attività dell’amministrazione comunale.

La Consulta ha infatti l’obiettivo di valorizzare la presenza, la partecipazione, la cultura e l’attività delle donne nella società civile e nelle Istituzioni, promuovendo la partecipazione delle cittadine all’attività
amministrativa dell’Ente comunale. Immagino  – continua Callaro – che la Consulta possa anche contribuire a promuovere una la crescita socio culturale del territorio, attraverso azioni positive e continuative
fornendo pareri di propria iniziativa, o su richiesta del Consiglio Comunale e della Giunta, in ordine a problematiche che ruotano attorno al mondo femminile.
Da parte mia, ed a nome di tutta l’amministrazione comunale non posso che formulare i migliori auguri di buon lavoro e un particolare ringraziamento per l’impegno che la Consulta assicurerà alla comunità femminile cittadina”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.