Casa municipale

Direttori organizzativi al Comune, Zollo: “Confusione amministrativa”

“La nomina dei Direttori organizzativi al Comune di Benevento è un altro esempio di confusione, incapacità amministrativa e tentativi di attribuire incarichi ad personam”, è la dura accusa del responsabile Provinciale CUB-FP
Alberto Zollo. “Il contratto nazionale degli enti locali – spiega Zollo – prevede la possibilità di attribuire ad alcuni dipendenti la “Posizione Organizzativa” cioè particolari funzioni di coordinamento di servizi comunali. Si tratta in sostanza di un’indennità aggiuntiva allo stipendio per svolgere compiti che non siano tra quelli già assegnati come normale carico di lavoro.

Il Regolamento degli uffici e dei servizi del Comune di Benevento prevede che le funzioni da assegnare ai titolari di posizione organizzativa devono essere stabilite dalla Giunta Comunale demandando ai dirigenti solo la responsabilità di individuare, con apposita selezione a seguito di bando, i dipendenti che meritano tale incarico.
Invece, la Giunta Comunale presieduta dal sindaco Clemente Mastella, con la delibera n. 257 del 14 dicembre 2016 si è limitata a decidere solo il numero di posizioni organizzative, senza stabilire le funzioni da svolgere.
Ha infatti deliberato, genericamente, una sola posizione organizzativa per ogni settore (Polizia Locale-traffico-protezione civile; Avvocatura; Attività Produttive; Servizi al Cittadino; Cultura-Personale; Opere Pubbliche) e due per il settore Territorio e Ambiente. Quindi, otto in totale.
Di conseguenza, i dirigenti dei singoli settori hanno emesso un apposito bando con il quale, però, sostituendosi illegittimamente alla Giunta Comunale, stabiliscono arbitrariamente quali funzioni assegnare. La Segreteria Generale ha provato a coordinare l’emissione dei bandi che i dirigenti hanno firmato il 27 gennaio, venerdì scorso, ma evidentemente non si è accorta che le Posizioni Organizzative da attribuire sono diventate nove, anziché otto come stabilito dalla Giunta.
Infatti, i due dirigenti tecnici, Perlingieri e Basile, che si dividono il Settore Territorio e Ambiente, non si sono evidentemente coordinati tra loro e quindi il primo ha emesso un bando per la nomina di due posizioni organizzative per i servizi di competenza (Sportello Unico Edilizia, Pianificazione, Autorizzazioni Ambientali, Espropri) mentre l’altro ha pubblicato un bando per un’altra posizione Organizzativa per il servizio Ambiente. Insomma, la Giunta per quel Settore ha deciso due posizioni organizzative che adesso sono diventate tre!
Ma la parte più scandalosa riguarda le condizioni di partecipazione stabilite da ogni dirigente con il bando pubblicato. Si nota, ad esempio, che il dirigente del Settore Avvocatura ha stabilito che il candidato deve avere esperienze solamente per la parte che riguarda la gestione del patrimonio e il controllo sulle municipalizzate, escludendo quelli che si occupano di Contratti, Contenzioso, Depenalizzazione e Recupero crediti. Poi ha pure precisato che il candidata deve avere già svolto attività di Posizione Organizzativa e di Dirigente. Naturalmente con queste caratteristiche sul Comune di Benevento c’è un solo dipendente.
Casi analoghi riguardano i settori tecnici. Per la posizione organizzativa del Settore Opere Pubbliche il candidato deve avere esperienze non solo per le attività proprie del settore ma anche per gli Espropri, che però è una funzione oggi assegnata al settore patrimonio-ambiente. Perché il titolare di Posizione Organizzativa deve avere esperienze in materie che non dovrà trattare? Anche in questo caso, in tutto il Comune di Benevento c’è un solo dipendente con queste caratteristiche. Ancora più chiaro il designato per lo Sportello Unico per l’Edilizia. Infatti, il dirigente prevede che il candidato deve avere esperienze in gestione di pratiche edilizie, ovviamente, ma poi aggiunge “Autorizzazioni sismiche” che però è una funzione che rimane di competenza di un altro settore. Solo l’ing. Antonio De Gennaro, quello che ha sostituito Luigi Panella allontanato da quel servizio,, finora si è occupato di pratiche edilizie e Autorizzazioni sismiche.
Questa è la corretta gestione del personale di cui si vanta Mastella nel silenzio delle forze politiche e sindacali”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.