Donna incinta, neonato muore dopo che la Russia ha bombardato il reparto maternità

Mariupol, Ucraina (AFP) – Una donna incinta e il suo bambino sono stati uccisi dopo che la Russia ha bombardato l’ospedale di maternità dove avrebbe dovuto partorire, ha appreso l’Associated Press. Le immagini di una donna trasportata in ambulanza su una barella hanno fatto il giro del mondo, catturando l’orrore dell’attacco all’essere umano più innocente.

Video e foto È stato girato dai giornalisti dell’Associated Press mercoledì Dopo l’attacco all’ospedale, la donna è stata vista colpire il suo stomaco sanguinante mentre i soccorritori l’hanno portata di corsa tra le macerie nella città assediata di Mariupol, il suo viso sbiancato rifletteva lo shock per quello che era appena successo. È stato uno dei momenti più brutali della guerra di 19 giorni della Russia contro l’Ucraina.

La donna è stata portata in un altro ospedale, ma più vicino alla prima linea, dove i medici hanno lavorato per tenerla in vita. I medici, dopo aver realizzato che stava perdendo il bambino, hanno detto loro: “Uccidimi ora!”

Il chirurgo Timur Marin ha scoperto che il bacino della donna era fratturato e l’anca separata. Il chirurgo ha detto che i medici hanno partorito il bambino con taglio cesareo, ma che “non ha mostrato alcun segno di vita”.

Poi si sono concentrati sulla madre.

“Più di 30 minuti di rianimazione materna non hanno prodotto risultati”, ha detto Marin sabato.

“Sono morti entrambi”.

Nel caos seguito all’attacco aereo di mercoledì, i paramedici non hanno avuto il tempo di ottenere il nome della donna prima che suo marito e suo padre venissero a estrarne il corpo. Dissero che almeno qualcuno sarebbe venuto a recuperarlo, quindi non sarebbe finito nelle fosse comuni scavate per molti dei morti a Mariupol.

Valutare
miniatura del video di YouTube

Funzionari russi, accusati di crimini di guerra, hanno affermato che l’ospedale di maternità era stato rilevato da estremisti ucraini per usarlo come base e che nessun paziente o medico era rimasto all’interno. L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite e l’ambasciata russa a Londra hanno descritto le foto come “notizie false”.

READ  Prezzi del gas: Biden promette di utilizzare "ogni strumento a nostra disposizione" per frenare gli aumenti dei prezzi dopo le nuove sanzioni contro la Russia

I giornalisti dell’Associated Press, che scrivono dall’interno di Mariupol assediata dall’inizio della guerra, hanno documentato l’attacco e hanno visto le vittime ei danni in prima persona. Hanno filmato video e foto di diverse madri incinte insanguinate che fuggivano dal reparto di maternità distrutto, paramedici che urlavano, bambini che piangevano.

Quindi il team di AP ha rintracciato le vittime venerdì e sabato nell’ospedale in cui sono state portate, alla periferia di Mariupol.

In una città che è rimasta senza cibo, acqua, elettricità o riscaldamento per più di una settimana, l’elettricità dei generatori di emergenza è riservata alle sale operatorie.

Mentre i sopravvissuti descrivevano il loro calvario, le esplosioni all’esterno hanno scosso le mura. I bombardamenti e le sparatorie nella zona sono intermittenti, ma implacabili. Le emozioni sono alte, anche se medici e infermieri si concentrano sul loro lavoro.

La blogger Marianna Vyshgerskaya ha dato alla luce una ragazza il giorno dopo l’attacco aereoHa avvolto il suo braccio attorno alla neonata Veronica mentre raccontava l’attentato di mercoledì. Dopo foto e video che la mostravano mentre scendeva le scale cosparse di detriti e teneva una coperta attorno al suo corpo incinta, i funzionari russi hanno affermato che era rappresentata in un attacco organizzato.

È successo il 9 marzo all’ospedale n. 3 di Mariupol. Eravamo seduti nei reparti quando vetri, cornici, finestre e pareti sono volati via”, ha detto ad AP Vishgerskaya, che indossava ancora lo stesso pigiama a pois che indossava quando è scappata.

Non sappiamo come sia successo. Eravamo nei nostri reparti e alcuni hanno avuto il tempo di coprirsi, altri no”.

Il suo calvario è stato uno dei tanti a Mariupol, che è diventato un simbolo di resistenza alla campagna del presidente russo Vladimir Putin per schiacciare l’Ucraina democratica e ridisegnare la mappa del mondo a suo favore. L’incapacità di sottomettere Mariupol ha spinto le forze russe ad espandere la loro offensiva altrove in Ucraina.

READ  Il sindaco di Ottawa e "Freedom Caravan" si impegnano a spostare i camion dalle aree residenziali

Nel frattempo, la città di Azov di 430.000 abitanti, una chiave per creare un ponte di terra dalla Russia alla Crimea annessa alla Russia, sta lentamente morendo di fame.

Nel nuovo reparto maternità improvvisato, ogni nascita che si avvicina porta una nuova tensione.

“Tutte le madri hanno passato molto durante il parto”, ha detto l’infermiera Olga Vereshagina.

Una madre stordita ha perso alcune delle dita dei piedi durante l’attentato. Venerdì i paramedici l’hanno partorita con taglio cesareo, tirando su con cura sua figlia e strofinando vigorosamente il neonato per stimolare i segni di vita.

Dopo pochi secondi senza fiato, il bambino piange.

Applausi di gioia risuonavano in tutta la stanza. Il neonato sta piangendo, sua madre sta piangendo e gli operatori sanitari si stanno asciugando le lacrime dagli occhi.

___

Segui la copertura dell’Associated Press sulla crisi ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *