È probabile che i prezzi all’ingrosso aumenteranno di nuovo a gennaio con l’aumento dell’inflazione

Prezzi all’ingrosso È probabile che la forte domanda dei consumatori e gli slittamenti della catena di approvvigionamento legati all’epidemia accelerino di nuovo a gennaio, poiché continuano a spingere verso l’alto l’inflazione più alta degli ultimi decenni.

Martedì mattina il Dipartimento del lavoro ha pubblicato l’indice dei prezzi alla produzione, dando una nuova occhiata a quanto fosse alta l’inflazione a gennaio. economisti Misurare l’inflazione ai prezzi all’ingrosso prima di raggiungere i consumatori – Ci si può aspettare che i prezzi di gennaio mostrino un aumento dello 0,5% rispetto al mese precedente.

L’inflazione rovente costerà probabilmente agli americani 276 dollari in più al mese

Aumenterà da dicembre, quando i prezzi saranno solo dello 0,2% in più rispetto al mese precedente.

L’aumento dei prezzi all’ingrosso sta arrivando a un certo punto Rapporto del Dipartimento del Lavoro Individuale I prezzi al consumo, che sono stati pubblicati la scorsa settimana, sono aumentati del 7,5% a gennaio rispetto all’anno precedente, il più grande aumento da quando l’inflazione ha raggiunto il 7,6% nel febbraio 982. I consumatori stanno pagando di più per le necessità quotidiane, incluso Drogheria, Benzina e Automobili.

Una lettura accattivante, che supera il 5% per l’ottavo mese consecutivo, può aumentare lo stress. Riserva federale Per elencare la tendenza più grave alla normalizzazione della politica monetaria. Si prevede che la Fed alzerà i tassi di interesse a marzo, ma un rapporto sull’inflazione più caldo del previsto significa che i politici stanno puntando a un aumento di mezzo punto di super livello.

READ  Il telescopio web della NASA completa con successo il dispiegamento nello spazio

L’aumento dei tassi di interesse tende a creare tassi più elevati sui prestiti ai consumatori e alle imprese, il che rallenta l’economia costringendoli a tagliare i costi.

I lavoratori scaricano cibo all’Union Market di Washington, DC il 9 febbraio 2022. ((Photo by Stephanie Reynolds / Getty Images di AFP) / Getty Images)

“A questo punto non è una questione se lo faranno o meno, è una questione di quanti aumenti vedremo nel 2022 e quali saranno le dimensioni e il ritmo”, ha affermato Mike Lowencord, amministratore delegato della strategia di investimento. E * Trade detto dopo il rapporto CPi. “Gli scenari forniti in queste funzionalità sono su tutta la mappa a questo punto. C’è molto da essere incerto sul mercato”.

Ottieni Fox Business cliccando qui

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha aperto la possibilità di un aumento delle tariffe ad ogni riunione di quest’anno e si è rifiutato di escludere un aumento del tasso più aggressivo di mezzo punto percentuale, ma ha affermato che è importante essere “modesti e attivi”.

“Saremo guidati dai dati in arrivo e dalla prospettiva emergente”, ha detto ai giornalisti durante una riunione sulle politiche della banca centrale il mese scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.