Eav, Mauro (FI): “L’immobilismo della Regione non è più tollerabile” 

“Ogni giorno sento parlare il presidente De Luca di una Campania eccellente in tutto, prima in tutto, esempio da imitare in tutta Italia, poi, ogni giorno vivendo senza paraocchi il mio Sannio mi rendo conto che il racconto di De Luca è fuori dalla realtà”.

È questo l’avvio della denuncia lanciata dal commissario provinciale di Forza Italia, Domenico Mauro, sulla vicenda dell’interruzione della tratta ferroviaria dell’EAV che da diversi mesi sta causando ai pendolari enormi disagi.

 

“Penso alle difficoltà che ogni giorno centinaia di pendolari devono affrontare per spostarsi da Benevento a Napoli, un tragitto di qualche decina di km che è diventato un percorso ad ostacoli, un vero e proprio calvario della pazienza dei cittadini. Non è più accettabile che ad oltre quattro mesi dal deragliamento del treno EAV tra Arpaia e Santa Maria a Vico ancora non è possibile avere contezza Sull’esito dei rilievi realizzati da ben due commissioni interne, né sulla data, almeno presunta, della riapertura delle stazioni di Benevento/Cancello, Tufara Valle, San Martino Valle Caudina, Cervinara, Rotondi, Arpaia e Santa Maria a Vico”.

 

“Ai vertici dell’EAV ricordo che oltre ai gravissimi disagi dei cittadini stanno peraltro rendendosi responsabili di una lunga e mortificante inattività di circa 100 lavoratori sballottati tra cassa integrazione oramai conclusa, ricorso a contratti e fondi di solidarietà e ferie forzate. Ringrazio a tal proposito, la consigliera regionale, Maria Grazia Di Scala, che in giornata ha sollecitato la  convocazione ad horas della commissione Trasporti del consiglio regionale”.

 

“Serve un impegno immediato dell’Eav – ha commentato la Di Scala, raccogliendo l’invito di Domenico Mauro -perché venga riattivata la linea al più presto per restituire certezze ai cittadini e ai lavoratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.