Ecco cosa sappiamo del convoglio russo di 40 miglia fuori dalla capitale ucraina

Giorni dopo, stanno ancora aspettando.

Giovedì il ministero della Difesa britannico ha dichiarato che il convoglio sembrava essersi fermato a 30 km da Kiev e che aveva compiuto “lievi progressi notevoli” negli ultimi tre giorni, citando l’intelligence.

“Il corpo principale della grande colonna russa che avanza su Kiev è ancora a più di 30 chilometri dal centro della città, essendo stato ritardato dalla forte resistenza ucraina, dal collasso meccanico e dalla congestione. La colonna non ha fatto progressi significativi in ​​più di tre giorni”. la dichiarazione del Regno Unito ha detto. .

Mentre il convoglio e la più ampia spinta russa verso Kiev “rimangono in attesa”, ha detto mercoledì sera un portavoce del Pentagono, John Kirby, “c’era grande preoccupazione” che la finestra potesse chiudersi per poter ottenere aiuti alle città che potrebbero cadere assedio.

Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti che, sebbene il convoglio fosse a corto di carburante e cibo, gli Stati Uniti hanno valutato che i russi “impareranno ancora una volta da queste insidie ​​e da queste insidie ​​e cercheranno di superarle”.

Le immagini satellitari di Maxar Technologies mostrano il convoglio il 28 febbraio.

Un arresto nell’avanzata del convoglio potrebbe creare molteplici problemi strategici per la Russia.

In primo luogo, essendo la principale linea di rifornimento russa per qualsiasi attacco importante a Kiev, è un obiettivo molto importante per le forze ucraine che combattono contro l’invasione.

In secondo luogo, stare seduti in un ingorgo di 40 miglia per giorni e giorni potrebbe influenzare il morale e la disciplina dei soldati russi prima che venisse lanciata un’importante operazione militare.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato mercoledì sera che la feroce resistenza ucraina aveva danneggiato il morale russo.

READ  I netizen russi imparano a battere la campagna online di Putin

“Sempre più occupanti stanno fuggendo in Russia, da noi, da te… Siamo una nazione che ha mandato in frantumi i piani del nemico in una settimana, piani che erano stati costruiti per anni”, ha detto in un post su Facebook.

Le ultime valutazioni sul convoglio arrivano dopo che l’esercito russo ha rilasciato il suo primo bilancio delle vittime della guerra, dicendo che 498 dei suoi soldati sono stati uccisi e 1.597 feriti. “È quasi certo che il numero effettivo di morti e feriti sarà molto più alto e continuerà ad aumentare”, si legge nella dichiarazione del Regno Unito giovedì.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha espresso il suo “profondo rammarico” per le vittime dell’esercito russo giovedì mattina.

Ma la Russia sembra incontrare meno resistenza nell’Ucraina meridionale, dove il sindaco della città strategicamente importante di Kherson sul Mar Nero ha indicato che le forze russe avevano preso il controllo, sebbene le accuse rimangano controverse.

La città di Mariupol, situata nel sud-est dell’Ucraina, è stata assediata dalle forze russe giovedì, mentre Mosca cerca di rafforzare la sua presa sul sud del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *