Elon Musk, Tesla attacca la SEC per molestie ‘implacabili’

NEW YORK, 17 febbraio (Reuters) – Tesla Inc (TSLA.O) Il suo amministratore delegato, Elon Musk, giovedì ha accusato la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti di averli molestati con un’indagine “interminabile” e “implacabile” per punire Musk per essere stato un critico esplicito del governo.

L’accusa è arrivata in una lettera al giudice distrettuale degli Stati Uniti Alison Nathan a Manhattan, che ha presieduto l’accordo SEC del 2018 derivante dal tweet di Musk su un potenziale acquisto di Tesla.

“Mr. Musk e Tesla cercano rispettosamente di correggere la rotta”, ha scritto Alex Spiro, avvocato di Musk e Tesla. “Quando è troppo è troppo.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La Securities and Exchange Commission ha rifiutato di commentare. In un ordine di una frase, Nathan ha ordinato all’organizzatore di rispondere entro il 24 febbraio.

La lettera di giovedì intensifica la battaglia di Musk con le autorità di regolamentazione mentre esaminano i suoi post sui social media e il trattamento dei lavoratori da parte di Tesla, comprese le accuse di discriminazione.

Ciò ha fatto seguito alla divulgazione di Tesla del 7 febbraio di aver ricevuto una citazione dalla Securities and Exchange Commission in merito alla sua conformità con l’accordo del 2018. Leggi di più

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha citato in giudizio Musk nell’agosto 2018 dopo aver twittato di aver “preso finanziamenti” per trasformare la sua azienda di auto elettriche in una società privata a $ 420 per azione. In effetti, l’accordo di acquisizione non era vicino.

Tesla e Musk si sono accordati accettando di pagare $ 20 milioni di multe civili e di consentire agli avvocati di Tesla di pre-selezionare alcune delle comunicazioni di Musk, inclusi i tweet che potrebbero influenzare il prezzo delle azioni di Tesla. Musk ha anche rinunciato alla presidenza Tesla.

READ  Quando un brutale aumento degli affitti causerà l'inflazione CPI? Quanto aggiungerai al CPI?

L’ultima citazione è stata emessa il 16 novembre, 10 giorni dopo che Musk ha chiesto ai suoi follower su Twitter di vendere il 10% della sua partecipazione in Tesla, il che ha portato alla vendita.

Lettera agghiacciante

In una lettera giovedì, Spiro ha accusato la Securities and Exchange Commission di ignorare il suo impegno a distribuire 40 milioni di dollari di multe agli azionisti, mentre invece “dedica le sue vaste risorse a indagini infinite e infondate” su Musk e Tesla.

“Peggio di tutto, la SEC sembra prendere di mira Musk e Tesla per un’indagine implacabile in gran parte perché il signor Musk rimane un critico esplicito del governo; i massicci sforzi della SEC sembrano essere stati calcolati per reprimere il suo esercizio dei diritti di modifica “, ha scritto Spiro. il primo”. .

Spiro ha chiesto a Nathan di programmare una conferenza per scoprire perché la Securities and Exchange Commission “ha emesso citazioni unilaterali” senza l’approvazione del tribunale e perché il denaro non viene distribuito.

Se la Securities and Exchange Commission scopre che Musk ha violato l’accordo, può ordinare a Nathan di sbarazzarsi di lei e riaprire il caso, o perseguire nuove accuse.

La lettera è stata depositata otto giorni dopo che il Dipartimento per l’occupazione e l’edilizia abitativa della California ha citato in giudizio Tesla per le accuse dei lavoratori neri di aver tollerato la discriminazione razziale nella sua fabbrica di Fremont, in California. Per saperne di più

READ  Bank of America afferma che la Bank of Japan ha la possibilità di normalizzarsi

Tesla ha descritto quella causa come fuorviante. Sta anche cercando di ridurre o eliminare un premio della giuria di circa 137 milioni di dollari a un ex operatore di ascensori nero per averlo sottoposto a un ambiente di lavoro ostile in uno stabilimento di Fremont.

Separatamente giovedì, la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha aperto un’indagine formale su 416.000 veicoli Tesla Model 3 e Model Y dopo aver ricevuto reclami per frenate impreviste legate al sistema di pilota automatico. Per saperne di più

Tesla ha emesso 10 richiami da ottobre, di cui alcuni sotto la pressione dell’NHTSA.

Le azioni Tesla hanno chiuso giovedì a $ 47,04, o 5,1%, a partire da $ 876,35 sul Nasdaq.

I casi sono SEC v Musk, US District Court, Southern District of New York, No. 18-08865; e SEC v. Tesla Inc nella stessa corte, n. 18-08947.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Jodi Godoy e Jonathan Stemple a New York e David Shepardson a Washington. Montaggio di Toby Chopra, Mark Porter e Sandra Maller

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.