En plein del M5S, eletto anche Maglione. Solo la Dc nel 48 fece meglio

È un en plein in piena regola quello del M5S: quattro eletti su quattro.

È stata confermata oggi l’elezione anche di Pasquale Maglione, che fa il suo ingresso in Parlamento grazie al sistema dei resti.

Il M5S sannita porta in Parlamento quattro rappresentanti sanniti, Pasquale Maglione, Sabina Ricciardi, Angela Ianaro e Danila De Lucia

Un risultato eccezionale dovuto all’exploit del Movimento anche nella provincia di Benevento.

Solo la Dc era riuscita fare altrettanto.

Nel 1948 la Democrazia cristiana nel Sannio riesce a far eleggere alla Camera Mario Vetrone, Vittorio Bosco Lucarelli, Giovanni Perlingieri e Giovanni Parente e un senatore  Antonio Lepore (eletto a Cerreto). Mentre entra come senatore di diritto, Giambattista Bosco Lucarelli (che essendo stato  revocato dal Regime,  esercitò l’opzione e fece eleggere il fratello Vittorio alla Camera ).

Ed è sempre la Dc, dal 1968  al 1992, a eleggere due deputati e due senatori sanniti. 

Nel 2001, elesse quattro parlamentari anche la Cdl (Viespoli, Barbieri, Mazzoni e Mino Izzo), ma si trattava di una coalizione. 

Il M5S e la Dc sono per il momento le uniche due forze politiche che sono riuscite a portare nei palazzi capitolini quattro rappresentanti sanniti.  Un dato che potrebbe corroborare la tesi di chi sostiene che i 5 Stelle, fermo restando le differenze,  siano l’evoluzione della Democrazia Cristiana. Sicuramente il voto del 4 marzo ha consegnato al Movimento, soprattutto al Sud, molti di quegli elettori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.