Feleppa: “Mastella non faccia ricadere su altri le sue responsabilità”

“Dalla lettura di recenti dichiarazioni rilasciate dalla capogruppo di Noi Sanniti, emerge un tentativo di fornire una visione di parte e quindi distorta dei problemi che da tempo lacerano la maggioranza a palazzo Mosti, in modo particolare del gruppo da lei rappresentato che, di volta in volta, ha visto i Consiglieri allontanarsi”, così Angelo Feleppa, capogruppo di Cittadini Protagonisti.

“La motivazione principale – spiega Feleppa –  è da ricercare nella mancanza di comunicazione e di condivisione nella predisposizione degli atti amministrativi. Troppo spesso ci si è trovati nella difficoltà di prendere decisioni all’ultimo momento, data l’urgenza per l’approvazione.
Ciò premesso riteniamo doveroso chiedere alla capogruppo di Noi Sanniti, se si è resa conto che i suoi attacchi mirati e pretestuosi nonché gratuiti nei confronti dei consiglieri comunali, hanno come bersaglio i suoi stessi colleghi di maggioranza.

Occorre ricordare che la nascita di nuovi gruppi consiliari rispetto alle liste originarie, è iniziata da qualche anno, segno evidente che le lacerazioni già si avvertivano, sfociando in diversi cambi di casacca. Recentemente, al culmine di queste fibrillazioni, c’è stata la formazione del nuovo gruppo consiliare di “Cittadini Protagonisti”.

Né si giustificano questi attacchi ai suoi stessi colleghi consiglieri comunali che, d’altronde, non hanno mai dichiarato di voler lasciare la maggioranza, ma di essersi costituiti in gruppo al solo scopo di favorire un dialogo costruttivo per giungere ad una maggiore condivisione e partecipazione alla vita politico-amministrativa.

E’ utile ribadire che il gruppo di Cittadini Protagonisti nasce con lo scopo di mettere insieme consiglieri che hanno la voglia di fornire il proprio personale contributo e stimolare l’azione politica locale, per rimarcare l’amore verso la propria Città.

Respingiamo, quindi, con forza al mittente il disegno di far ricadere sul nostro gruppo consiliare la responsabilità delle recenti scelte fatte dal Primo cittadino, le cui vere motivazioni sono da ricercare altrove. Motivazioni, queste sì, del tutto estranee e non riconducibili alla costituzione di un nuovo gruppo in seno al Consiglio comunale, nato per rendere più spedita e funzionale l’attività amministrativa dell’Ente e non per accelerare la disgregazione già in atto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.