FOTO AP: Gli ucraini in fuga dalla guerra “non possono lasciare” animali domestici

10 marzo 2022 GMT

Mucchi di vestiti abbandonati e altri oggetti personali sparsi lungo i corridoi che portano fuori dall’Ucraina. Scappando da Zaporizhia, Lyudmila Sokol, un’insegnante di ginnastica, ha detto che più persone portavano via le loro cose, più era difficile, quindi le hanno lasciate indietro. al Sud.

Ma i loro animali domestici stanno al loro fianco.

Ovunque nel mezzo della migrazione Più di 2,3 milioni di persone sono fuggite dall’invasione russa Sono gli animali domestici che le persone non possono lasciare indietro: uccelli, conigli, criceti, gatti e cani.

Le persone in fuga dalla periferia di Kiev si sono accalcate sotto un ponte in rovina, hanno preso un piccolo bagaglio e hanno lasciato le loro auto sulla strada. Ma i loro animali domestici sono rimasti con loro.

Una donna ha portato il suo cane attraverso un ponte improvvisato sul fiume Irpen nel bel mezzo dell’evacuazione. Un altro in una stazione ferroviaria in Polonia ha accarezzato il suo gatto arancione da naso a naso.

Una giovane ragazza avvolta in una coperta di alluminio abbracciò i suoi due Chihuahua vicino a lei mentre attraversava a Medica, in Polonia.

Una donna che arriva in Romania abbraccia il suo cagnolino mentre si siede nella sala da ballo di un hotel che è stata trasformata in un rifugio per profughi.

Una donna ha detto di sentirsi in dovere di mantenere non solo la sua famiglia, ma anche i suoi animali domestici.

Victoria Trovimenko, 42 anni, inizialmente aveva pianificato di non lasciare mai Kiev, ha detto in un’intervista all’Associated Press tramite Zoom giorni dopo l’inizio della guerra.

piena copertura: Fotografia
READ  La Russia trova amici in Africa dopo essere stata evitata da altri

Ma quando sono caduti razzi ed esplosivi, ha pensato al suo dovere di proteggere sua figlia di 18 anni, sua madre di 69 anni, il suo cane Akira e il suo gatto Galileo.

Comprò i biglietti del treno per dirigersi a ovest e finì a Praga. Ha detto di essere arrivata in Ungheria per la prima volta ed era grata di avere Akira al suo fianco per la protezione.

“Non posso lasciare cani o gatti. Devo assumermi la responsabilità”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.