Fratelli D’Italia, Cirielli blinda le candidature di Matera e Pedicini. Ma il partito si spacca

 

Francesca Pedicini e Domenico Matera sono i due candidati di Fratelli d’Italia per le Regionali 2020. Ma il partito resta spaccato.

Edmondo Cirielli, deputato e leader campano di FdI, ha voluto sgomberare il campo da qualsiasi dubbio: “E’ vero che tocca alla direzione nazionale ratificare le candidature (come, sollecitato da noi, aveva sottolineato ieri il coordinatore regionale Gimmi Cangiano, ndr), ma chi vi parla è il coordinatore della direzione, quindi credo di potervi dire con certezza che questi sono i nostri candidati”. 

La conferenza stampa di  FdI è stata pressoché monopolizzata dal nostro articolo di ieri (LEGGI QUI: https://sanniopage.com/fdi-e-caos-regionali-per-lauto-candidatura-di-francesca-pedicini-gimmi-cangiano-non-ce-nessuna-candidatura/) che raccontava la spaccatura sulle candidature per le prossime Regionali. E in effetti che una parte di Fratelli d’Italia non abbia accolto di buon grado la discesa in campo di due new entry, entrambi espressione della provincia, e l’estromissione dal campo di gioco di rappresentanti della città, è facilmente comprensibile: il partito di Giorgia Meloni è dato in crescita e l’alleanza con la Lega rafforza l’ala di destra della coalizione che pure in Campania potrebbe fare la differenza. In ballo, del resto c’è la guida della Regione Campania.

Sulla candidatura di Stefano Caldoro alla presidenza, Cirielli fa l’equilibrista: “E’ stato un ottimo amministratore e sarebbe una buona candidatura, ma le elezioni sono ancora lontane”. Insomma,  le dinamiche politiche sono ancora fluide, e non è detto che Fratelli d’Italia e Lega, i partner forti della coalizione, non pensino di potere esprimere una loro candidatura. Sulla sua, Cirielli non glissa: “Se fosse toccato al nostro partito indicare la candidatura alla presidenza della Regione, sarei potuto essere il candidato naturale, ma noi non imponiamo nomi, e io sto bene a Roma”.

Intanto, Fratelli d’Italia a Benevento è il primo partito ad uscire allo scoperto, ufficializzando due candidature, indigeste, però, ad una parte del partito.

Sono candidature condivise – prova a spegnere la polemica, Federico Paolucci -, forti, espressione del territorio. Solo sulla mia candidatura ho dovuto pensarci, ma ho impiegato 60 secondi per escluderla”.

Matera, sindaco di Bucciano, è stato a lungo legato all’ex deputata Nunzia De Girolamo. Alle Provinciali e alle Europee si è avvicinato a Fratelli d’Italia: “Ho verificato che c’erano le condizioni per lavorare insieme. Farò una campagna elettorale porta a porta, metteremo in campo un team di 100 persone che bussi ad ogni porta dei 78 comuni”.

Mentre arringa, Matera si guarda intorno, saluta il sindaco di Bonea, Giampietro Roviezzo, poi quello di Frasso Telesino, Pasquale Viscusi, Margherita Giordano vice sindaco di Forchia , i consiglieri di Moiano,”l’intero consiglio comunale di Bucciano” e tutti quegli amministratori che evidentemente saranno i supporter della sua candidatura. Molti di loro furono vicini a Nunzia De Girolamo, tanto da far pensare alla nascita di una corrente degirolamo in FdI nel Sannio.

Matera è uno di quelli che in politica si muove col piglio del bulldozer, capace com’è di sfoderare i muscoli e accettare la sfida anche quando il gioco si fa duro.

Francesca Pedicini parla poco, è emozionata, cita Almirante e sottolinea la forza dei giovani e delle donne in politica. La sua era sembrata un’auto-candidatura annunciata su Whatsapp senza preventive forme di condivisioni, una modalità che ha fatto storcere il naso a un’area del partito, ma oggi Paolucci e Cirielli sono venuti a blindarla. 

Ha lavorato bene nel partito e Fratelli d’Italia pur venendo dall’Msi oggi è un partito nuovo, che intende aprire ad altre esperienze”, spiega Cirielli. Per provare a sedare la polemica, Fratelli d’Italia brucia i tempi e ufficializza le candidature a mesi di distanza dal voto per le Regionali, quando ancora non c’è una data. Mentre la Meloni si sposta sempre più destra, comprendendo, tra le prime, che le scelte degli elettori vanno radicalizzandosi, FdI nel Sannio pesca al Centro e ‘premia’ due new entry

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.