Giocatrici americane e causa del football americano per regolare la parità di retribuzione

Per sei anni, i membri della squadra di calcio femminile statunitense vincitrice della Coppa del Mondo e le loro superiori hanno discusso sulla parità di trattamento delle giocatrici. Hanno discusso se meritano gli stessi voli charter delle loro controparti maschili e sulla definizione di ciò che costituisce la parità di retribuzione.

Ma la lunga battaglia che ha contrapposto membri chiave della squadra femminile contro i loro capi nel football americano si è conclusa martedì bruscamente come era iniziata, con un accordo che includeva milioni di dollari in pagamento ai giocatori e una promessa della loro unione di pari. Pagare tra le squadre maschili e femminili.

Secondo i termini dell’accordo, le donne – un gruppo di dozzine di giocatori attuali ed ex che includono alcune delle atlete più famose e famose del mondo – condivideranno $ 24 milioni in pagamenti di football americano. La maggior parte di quel numero è arretrato, un tacito riconoscimento che i compensi delle squadre maschili e femminili sono stati disuguali per anni.

Forse la cosa più importante è la promessa di parità di retribuzione da parte del football americano tra le squadre nazionali maschili e femminili in tutte le competizioni, compresa la Coppa del Mondo, nei contratti collettivi di lavoro delle squadre in arrivo. Questo divario una volta era visto come un divario incolmabile che impediva qualsiasi tipo di accordo salariale paritario. Se chiuso dalla federazione nelle trattative con entrambe le squadre, il cambiamento potrebbe incanalare milioni di dollari in una nuova generazione di giocatrici della nazionale femminile.

“Il processo per arrivare a questo punto non è stato certamente facile”, ha detto Cindy Barlow-Cohn, capo della NFL, in un’intervista telefonica. “La cosa più importante qui è che andiamo avanti, andiamo avanti insieme”.

La lunga battaglia dei giocatori con la squadra di calcio degli Stati Uniti, che non è solo il datore di lavoro ma anche l’organo di governo nazionale dello sport, li ha spinti in primo piano. Una lotta più ampia per l’uguaglianza negli sport femminili e ha attirato il sostegno di colleghi atleti, celebrità, politici e candidati presidenziali. Negli ultimi anni, giocatori, squadre e persino atleti di altri sport – Medaglia d’oro olimpica di hockey su ghiaccio, professionisti del calcio canadesi e giocatori della WNBA Contatta i giocatori di football americano e il loro sindacato per chiedere aiuto nella loro ricerca per migliorare i salari e le condizioni di lavoro.

Molti di questi giocatori e squadre hanno ottenuto guadagni significativi – NorvegiaE il Australia E il Olanda Tra le nazioni le cui federazioni calcistiche si sono impegnate a colmare il divario retributivo tra uomini e donne, anche se la questione dei giocatori americani persiste.

“Penso che sia stato molto motivante vedere organizzazioni e datori di lavoro ammettere i propri errori e li stiamo costringendo a rimediare”, ha detto Alex Morgan, attaccante ed ex co-capitano della nazionale femminile. “L’effetto domino che abbiamo contribuito a lanciare – penso che ne siamo davvero orgogliosi”.

READ  Il leggendario giocatore di cricket Shane Warren è morto a 52 anni in Thailandia

Per il football americano, l’accordo è la fine costosa di un conflitto che ha danneggiato la sua reputazione, Ha danneggiato i suoi rapporti con i suoi sponsor E ha causato tensioni nella sua relazione con alcune delle sue star più famose, tra cui Morgan, Megan Rapinoe e Carli Lloyd, che andato in pensione lo scorso anno. Il football americano non era obbligato ad accontentarsi della squadra femminile; Era un giudice federale nel 2020 Rifiuto delle argomentazioni dei giocatori sulla parità di retribuzioneprivandoli di quasi tutta la loro influenza legale, e l’appello dei giocatori non avrebbe avuto successo.

Tuttavia, per questo motivo, l’accordo rappresenta una vittoria inaspettata per i giocatori: dopo quasi due anni di sconfitte in tribunale, sono riusciti a ottenere non solo un accordo a otto cifre, ma anche l’impegno del sindacato ad attuare le stesse riforme che il giudice ha respinto.

Morgan ha dichiarato in un’intervista telefonica: “Quello che ci siamo prefissati di fare è il riconoscimento della discriminazione da parte degli Stati Uniti Soccer, e l’abbiamo ricevuto attraverso il pagamento in ritardo nell’accordo. Ci siamo prefissati di ottenere un trattamento equo e paritario nelle condizioni di lavoro, e l’abbiamo fatto Quello.” Adeguamento delle condizioni di lavoro. E abbiamo deciso di ottenere la parità di retribuzione andando avanti per noi e la squadra maschile attraverso il football americano, e ce l’abbiamo fatta”.

Al termine, la transazione risolverà tutti i crediti rimanenti in Causa per discriminazione di genere I giocatori sono avanzati nel 2019. Ma è arrivato con una condizione cruciale: quella della ratifica di un nuovo contratto tra la NFL e il sindacato dei giocatori per la squadra femminile. Questo processo può richiedere settimane o addirittura mesi.

Le squadre maschili e femminili hanno già tenuto sessioni di negoziazione congiunte con US Soccer, ma per far funzionare l’accordo – la federazione sta cercando un contratto collettivo unico che copra entrambe le squadre – i giocatori maschili dovranno accettare una puntata di milioni o arrendersi a loro. di dollari in potenziali pagamenti per la Coppa del Mondo dalla FIFA, l’organo di governo del calcio mondiale. Questi pagamenti, fissati dalla FIFA e significativamente maggiori per la Coppa del Mondo maschile rispetto al corrispondente torneo femminile, sono al centro del divario di parità retributiva.

Kun, un ex membro della squadra femminile, ha dichiarato a settembre che il sindacato non firmerà I nuovi accordi di contrattazione collettiva con entrambe le squadre non hanno eguagliato i premi della Coppa del Mondo, una posizione che lei e la federazione hanno rafforzato nell’accordo di martedì. Il sindacato maschile, i cui avvocati stavano partecipando ad alcune sessioni di negoziazione delle donne, martedì non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche.

READ  Live Olympics: eliminato l'hockey maschile statunitense e gli ultimi aggiornamenti

Associazione Calciatori della Nazionale Femminile Congratulazioni ai suoi membri e i loro avvocati “sul loro successo storico nel combattere decenni di discriminazione per mano della US Soccer Federation”, ma hanno chiarito che intende portare la squadra della NFL – e quindi la squadra maschile – al livello precedente. promesse pubbliche Per sostenere la parità di retribuzione.

“Andare avanti e collegare questo accordo all’accordo di costruzione della pace è importante per entrambi i gruppi”, ha affermato Kuhn. “Perché tutti crediamo nella parità di retribuzione e l’unico modo per arrivarci – affinché la FIFA eguagli la Coppa del Mondo – è che la squadra maschile, quella femminile e il football americano si uniscano e raggiungano un accordo sull’equazione di questo noi stessi”.

La lotta per la parità di retribuzione è iniziata quasi sei anni fa, quando c’erano i giocatori a cinque stelle Presentare un reclamo alla Commissione per le pari opportunità di lavoro Il football americano è accusato di discriminazione salariale. I giocatori – Morgan, Rapinoe, Lloyd, Becky Sauerbrunn e Hope Solo – hanno affermato di non aver pagato bonus, costi di presenza e persino pasti durante i campi di allenamento e hanno affermato di aver guadagnato non più del 40% di quanto guadagnato dai giocatori nella squadra nazionale maschile sono stati pagati gli stipendi.

“I numeri parlano da soli”, ha detto Solo, anche se la squadra di calcio degli Stati Uniti li ha immediatamente contestati. Solo ha detto che i giocatori maschi “vengono pagati di più per le apparizioni di quanto veniamo pagati per vincere i principali tornei”.

Quasi immediatamente, gli appassionati di calcio si sono schierati nella lotta e hanno diviso il football americano. Il sindacato ha brevemente sostenuto che gli uomini hanno portato più soldi e attirato ascolti TV più alti, e quindi meritavano stipendi più alti, ma la posizione è stata presto abbandonata tra il contraccolpo pubblico, la rabbia dei giocatori e una lettura più attenta della legge sulla parità retributiva. Le donne hanno approfittato della loro popolarità e si sono seguite sui social per scioperare il sindacato presso il tribunale dell’opinione pubblica.

La deposizione con il progredire della causa legale ha prodotto scambi scomodi che i giocatori esperti di PR hanno usato come arma Vendevano slogan sulle magliette.

Ad aprile 2020, il giudice nella causa per discriminazione di genere, R. Klausner ha respinto l’argomento secondo cui erano sistematicamente sottopagati e ha stabilito che il football americano aveva motivato la sua affermazione secondo cui Squadra femminile In realtà ha guadagnato di più “su base cumulativa e media per partita” rispetto alla squadra maschile durante gli anni coperti dalla causa.

I giocatori hanno promesso di riprendere la sconfitta, ma tutti sembravano perdenti. Un accordo sulle condizioni di lavoro a dicembre Un compromesso era ancora possibile, e ha aperto la strada all’attrattiva dei giocatori in futuro. Ma dietro le quinte, le due parti stavano già facendo progressi verso un accordo.

Con Kuhn che lavorava con leader di squadre femminili come Sauerbronn, presidente della Players and Players Association – “abbiamo avuto molte conversazioni davvero costruttive avanti e indietro”, ha detto Kuhn – le leader sindacali e le giocatrici hanno raggiunto un accordo che tutti potevano sostenere.

Nelle apparizioni televisive e nelle interviste, entrambe le parti l’hanno salutata come una “grande vittoria” e un “enorme passo avanti”. Martedì sera è prevista una conferenza stampa congiunta.

Ma non tutti i giocatori avevano in programma di essere lì per festeggiare. Il veterano della Coppa del Mondo Crystal Dunn ha dovuto obiettare. Contestualmente alla conferenza stampa era prevista una sessione di negoziazione sul nuovo contratto collettivo di lavoro e doveva essere presente qualcuno che rappresentasse la squadra per la fase successiva della loro lotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.