I pattinatori sul ghiaccio delle Paralimpiadi che non volevano vagare

Più di due anni fa, la medaglia d’oro ai Giochi Paralimpici 2018 Hernandez, Corea del Sud, è stata informata dal Comitato Internazionale della Croce Rossa che lei e Huckabee, la medaglia d’oro 2018 di Baton Rouge, Los Angeles, non potevano competere alle Olimpiadi di Pechino .

Nessuno li ha accusati di alcun illecito. La loro sfortuna è stata quella di partecipare a gare che sarebbero state annullate perché non c’erano altri snowboarder.

Hernandez, 47 anni, e Huckabee, 26, sono stati entrambi classificati come SB-LL1. Il ciclista SB-LL1 ha una debolezza significativa in una gamba, come un’amputazione sopra il ginocchio, o una debolezza significativa in entrambe le gambe. Ma non c’erano abbastanza pattinatori qualificati LL1 per rendere praticabile la gara e l’IPC l’ha chiusa.

Quindi Huckabee ha invece chiesto di essere inserito nella gara LL1 maschile o nella classe LL2 femminile, entrambe apparentemente due classi più impegnative per lei. Il concorrente LL2 ha debolezza in una o entrambe le gambe, con meno restrizioni di attività rispetto al concorrente LL1. In tutti i semi-sport, la valutazione è determinata dai medici che controllano gli atleti.

L’IPC ha rifiutato la sua domanda, anche se i concorrenti erano in anticipo sulla classe. L’IPC si oppone al trasferimento di atleti da una categoria ad altre manifestazioni. Ciò potrebbe compromettere l’integrità della competizione se gli atleti possono gareggiare in qualsiasi classifica a loro scelta.

Huckabee e Hernandez hanno incaricato l’avvocato tedesco Christoph Fischmann di gestire il caso perché, con la ABC con sede a Bonn, i tribunali tedeschi avevano giurisdizione.

Wieschemann ha vinto per la prima volta un’ingiunzione temporanea a favore di Huckaby il 27 gennaio, sostenendo che i sistemi di valutazione di qualsiasi tipo in tutti gli sport sono progettati per “proteggere i deboli dai forti”, non il contrario.

READ  Riassunto in diretta delle finali della prima giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *