Il comitato del 6 gennaio ha parlato con l’ex procuratore generale William Barr, afferma il presidente Bennie Thompson

“Ad essere onesti con te, abbiamo già avuto conversazioni con l’ex procuratore generale”, Rep. Benni Thompson detto CBS ‘Margaret Brennan su “Face the Nation” quando gli è stato chiesto se il comitato sarebbe andato a Barr. “Abbiamo parlato con gli individui del Dipartimento della Difesa. Siamo preoccupati che i nostri militari siano stati parte di questa grande bugia nel promuovere che le elezioni fossero false”.

Il democratico del Mississippi ha continuato: “Quindi, se stai usando i militari, per sequestrare potenzialmente queste macchine per il voto, anche se è una discussione, il pubblico deve sapere, non l’abbiamo mai avuto prima”.

Le osservazioni di Thompson sono arrivate in risposta a una domanda in merito testo di un progetto di decreto esecutivo che era stato presentato all’allora presidente Donald Trump nel dicembre del 2020 per chiedere al Segretario della Difesa di sequestrare le macchine elettorali negli stati del campo di battaglia.
Barr, che è stato un convinto difensore di Trump durante il suo incarico al Dipartimento di Giustizia e ha spinto il messaggio “legge e ordine” dell’amministrazione, rassegnato nel dicembre 2020 dopo aver rimproverato le false affermazioni dell’allora presidente sulla diffusa frode elettorale.

Non è chiaro chi abbia scritto la bozza di ordinanza, che è piena di linguaggio legale che afferma i poteri presidenziali di sequestrare l’attrezzatura elettorale e le teorie del complotto sulle elezioni del 2020.

La bozza, che è stata pubblicata da Politico la scorsa settimana, affermava anche che il segretario alla Difesa potrebbe identificare le unità della Guardia Nazionale da federalizzare per aiutare lo sforzo. Anche il documento sembra esserlo uno che Trump ha combattuto per bloccare dal comitato ristretto del 6 gennaio, che sta indagando sui suoi tentativi di sovvertire le elezioni del 2020.

Era datato 16 dicembre 2020, secondo il documento pubblicato da Politico, due giorni dopo che il Collegio elettorale si è riunito nelle capitali degli stati per ufficializzare la vittoria del presidente Joe Biden, assestando un duro colpo ai tentativi di Trump di ribaltare le elezioni.

READ  40 La migliore parmigiano reggiano del 2022 - Non acquistare una parmigiano reggiano finché non leggi QUESTO!

Thompson ha anche affermato di non essere a conoscenza di un piano operativo ma solo della bozza stessa.

“Sappiamo che una potenziale persona è stata identificata per diventare il procuratore generale degli Stati Uniti, che avrebbe comunicato con alcuni stati che le elezioni sulla loro situazione erano state fraudolente e non avrebbe prodotto documenti certificati”, ha affermato.

Marshall Cohen e Zachary Cohen della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.