Il funzionario afferma che gli scontri tra le forze ucraine e russe circondano la città meridionale di Mykolayiv

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto venerdì in una conferenza al Pentagono che la linea di conflitto stabilita questa settimana tra gli Stati Uniti e la Russia era un “conflitto bilaterale dagli Stati Uniti alla Russia”.

Questa linea è amministrata dal comando europeo degli Stati Uniti sotto il generale Dodd Walters, comandante del comando europeo degli Stati Uniti.

“È riuscito a essere un ostacolo bilaterale per gli Stati Uniti e la Russia, motivo per cui viene gestito dal quartier generale del comando europeo degli Stati Uniti e non dal generale Walters sotto il suo berretto NATO”, ha detto Kirby.

“Ridurre i rischi di errori di calcolo e, se necessario, comunicare in tempo reale, soprattutto perché lo spazio aereo dell’Ucraina è ora in competizione con gli aerei russi e ucraini”, ha affermato Kirby.

La connessione telefonica è “a basso livello di funzionalità”, ha detto Kirby.

“E ‘fondamentalmente composto da personale presso il quartier generale del comando europeo”, ha continuato.

Più sfondo: Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti venerdì che la linea telefonica di deconfusione istituita questa settimana tra gli Stati Uniti e la Russia stava lavorando alla sua configurazione iniziale.

Il funzionario ha affermato che la connessione telefonica ha funzionato durante una prima chiamata di prova degli Stati Uniti in Russia.

“È a posto, i russi hanno acconsentito, nel nostro test iniziale, hanno risposto al telefono, quindi sappiamo che sanno chi sta chiamando e, almeno, in base al suo lancio iniziale. Fino ad allora, ha funzionato, hanno risposto alla linea, ” Disse l’ufficiale.

READ  Il rover Mars Curiosity trova una forte firma di carbonio nel letto di rocce, indicando un'attività biologica

L’istituzione di questo accordo è particolarmente degna di nota perché i funzionari del Pentagono hanno affermato di non aver avuto contatti diretti con gli alleati russi dopo l’invasione.

I tentativi di stabilire un percorso di comunicazione sono in corso dalla fine del mese scorso. Il 18 febbraio il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha parlato per l’ultima volta con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu. I due hanno parlato una settimana fa. I capi di stato maggiore congiunti, il generale Mark Millie, hanno parlato l’ultima volta con il capo di stato maggiore generale russo Valery Gerasimo l’11 febbraio.

Gli Stati Uniti hanno rifiutato qualsiasi no-fly zone sull’Ucraina, dicendo che metterebbero i piloti statunitensi in uno stato di guerra per portare a termine un tale piano. Ma la porta di un possibile corridoio aria-uomo in futuro non è stata chiusa e i funzionari affermano che la guerra sarà interrotta per garantire che i soccorsi possano volare sicuri.

La Siria ha da anni un protocollo di conflitto tra le forze americane e russe. Sebbene i funzionari statunitensi si siano lamentati in diverse occasioni e i russi non abbiano fornito un adeguato preavviso delle loro azioni, per la maggior parte ha funzionato. Gli Stati Uniti non hanno fornito informazioni dettagliate alla Russia, ma di recente li hanno informati di quando gli aerei statunitensi opereranno nel nord-est della Siria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.