Il razzo cinese ha commesso un errore nella fase superiore di SpaceX in rotta di collisione con la luna

I detriti di razzi che dovrebbero entrare in collisione con la luna terrestre il mese prossimo sembrano essere stati erroneamente identificati come parte di SpaceX Falcon 9 dopo un piccolo attacco mediatico che ha visto una serie di punti vendita criticare la società per non averlo rilasciato.

Invece, i detriti sono probabilmente i resti del lancio del razzo cinese Long March 3C diretto verso la luna. Identificato originariamente come un vecchio stadio superiore dello SpaceX Falcon 9 lanciato nel 2015, trasporta il satellite Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) in orbita attorno al punto L1 di Lagrange.

Bill Gray è un astronomo e ricercatore indipendente che ha originariamente identificato i detriti spaziali nel 2015 utilizzando un software personalizzato utilizzato per tracciare oggetti vicini alla Terra. L’oggetto, inizialmente chiamato WE0913A, ha superato la luna solo due giorni dopo il lancio di DSCOVR, ha detto Gray.

“Io e gli altri siamo arrivati ​​ad accettare l’identità con [Falcon 9] La seconda fase correttamente. L’oggetto era luminoso come ci aspetteremmo, è apparso all’ora prevista e si stava muovendo in un’orbita ragionevole”. Egli ha detto ioIn un post sul blog.

Dopo che queste informazioni sono state rilasciate, dice Gray, John Giorgini del Jet Propulsion Laboratory della NASA gli ha contattato per fargli alcune domande sulla sua ricerca. Giorgini ha chiesto informazioni sull’affermazione di Gray secondo cui DSCOVR è passato vicino alla Luna solo due giorni dopo il lancio, sostenendo che la traiettoria del veicolo spaziale non dovrebbe essere particolarmente vicina alla Luna.

“Sarebbe un po’ strano che la seconda fase passi subito dopo la luna, mentre DSCOVR si trova in un’altra parte del cielo. C’è sempre una certa separazione, ma questa è stata sospettosamente grande”, ha spiegato Gray nell’ultimo aggiornamento del suo sito web.

Dopo questa scoperta, Gray è tornato ai suoi dati precedenti ed è giunto a una nuova conclusione: l’oggetto è il terzo stadio della missione cinese Chang’e 5-T1 lanciata nell’ottobre 2014 su un razzo Long March 3C. Il percorso di lancio e i tempi sono molto simili alla missione DSCOVR, il che spiega perché i due si sbagliano.

La capsula Chang’e 5-T1 ha testato un ritorno del campione dopo essere entrata in orbita attorno alla Luna. (CNSA)

Secondo la NASA, “Un’analisi del Jet Propulsion Laboratory Center for Near-Earth Object Studies della NASA indica che l’oggetto che dovrebbe avere un impatto sul lato opposto della luna il 4 marzo è probabilmente il razzo booster Chang’e 5-T1 dalla Cina. è stato lanciato nel 2014”.

I detriti dovrebbero raggiungere la luna intorno alle 7:26 EDT del 4 marzo. L’impatto avverrà sul lato opposto della Luna, quindi non si vedranno danni visibili dalla Terra. Il cratere da impatto dovrebbe essere di 10-20 metri (32,8 – 65,6 piedi) e sia il cratere che il nuovo cratere potrebbero essere dati utili per gli scienziati che studiano la geologia dell’unico satellite terrestre.

Il razzo cinese ha commesso un errore nella fase superiore di SpaceX in rotta di collisione con la luna






READ  La scoperta di un enorme cratere meteoritico sotto il ghiaccio della Groenlandia è molto più antica di quanto si pensasse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.