Implode il fronte anti-Mastella. Moretti dice no a Perifano e balla da solo

Di antimastellismo si può anche morire.

A fare l’anti c’è sempre uno più anti che ti epura. È sul grado di antimastellismo che implode la coalizione dell’alternativa a Clemente Mastella.

Angelo Moretti, leader di Civico22, non arretra e dice no alla candidatura di Luigi Diego Perifano, caldeggiata da PD e M5S.

Perifano non viene considerato troppo anti,  è visto come un politico di lungo corso e di sistema, legato mani e piedi alle famiglie più in vista della città,  poco ‘popolare’ e per niente populista, e come se non bastasse la sua esperienza di maestro di una loggia massonica ha finito per creare imbarazzo non solo nei 5Stelle ma anche negli ambienti più cattolici.

L’esperienza più innovativa del panorama politico, Civico22, subisce il tradimento di quei pezzi di sinistra che si era infilata in seno e che hanno scelto di fare le comparse nel Pd.

Il Movimento fondato da Moretti perde Rita Marinaro, vice segretaria, e altri 5 attivisti.

La sinistra e gli esperimenti di scissione  dell’atomo”, ha commentato sferzante su Facebook Silvio Baccari, tra i più attivi animatori di Civico22

Secondo voci di dentro, con un piede già fuori starebbe anche Pasquale Basile, solo pochi mesi fa nominato alla guida di Civico22.

Moretti resta aggrappato alle sue convinzioni di partenza: nessun patto col diavolo che, questa volta, porta il nome di Perifano. Per il leader di Civico22 sarebbero due i motivi ostativi: l’affiliazione dell’avvocato beneventano alla massoneria che per un ultra cattolico come Moretti è quasi una bestemmia e la sua appartenenza al ‘sistema’ che gli avrebbe fruttato un florilegio di incarichi e nomine.

Lo scisma di CIVICO22 e l’intransigenza di Moretti pronto ormai a ‘ballare’ da solo provoca la reazione piccata di Luigi Diego Perifano su Facebook, di solito poco social: “Sempre diffidato di due categorie: i falsi moralisti e i personaggi in cerca d’autore. Non ho mai avuto modo di pentirmene“.

 

Un post che è il segno di una presa d’atto dello strappo consumatosi con Civico22 e che potrebbe però segnare la discesa in campo dell’avvocato.

Il niet di Moretti ha fatto implodere la coalizione. A furia di andare a caccia dell’anti-Mastella più anti di tutti, il fronte alternativo al sindaco di Benevento si  sfarina. Proverà ancora una volta a raccogliere i cocci e a metterli insieme pezzo dopo pezzo. Ma le premesse non sono buone. Per Perifano si prospetta una mini-alleanza tra il Pd di De Caro e quel che resta di un M5S ormai svuotato. Di civico resta ben poco, eppure era stato proprio Perifano a rivendicare, nell’intervista al Fatto Quotidiano, il carattere civico della sua candidatura sottolineando di non essere tesserato al Pd.

La mini-alleanza Pd-5Stelle, intanto, fa sapere attraverso alcune testate giornalistiche che lunedì torneranno a tessere la tela, quantomeno del programma (ancora tu?  ) ma nulla trapela sul candidato.

Allo stato Mastella è un candidato senza sfidanti ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    OK No thanks