Intervista al Fatto, Mastella invia rettifica al direttore

“In riferimento all’intervista al sottoscritto pubblicata oggi da Il Fatto Quotidiano e al seguente stillicidio di notizie, esternazioni e affermazioni ecco la verità.
Nell’intervista non ho mai parlato di fetenzie, tra l’altro è un termine che non mi appartiene, e nemmeno di appalti, sub appalti, micro appalti e incarichi. È una domanda del giornalista Antonello Caporale alla quale io ho risposto affermando che mi dimetto. Così come non ho mai detto nell’intervista che un mio consigliere è stato arrestato ma è stato un errore del giornalista. Per cui è evidente che non ho mai parlato di ricatti e di questioni gestionali, dalle quali sono assolutamente distante, ma esclusivamente di problematiche politiche, ovvero alla nascita di gruppi e gruppetti e a eventuali candidature”, così poco fa Clemente Mastella su Facebook.

Il primo cittadino ha anche riportato il testo integrale della lettera inviata al direttore del Fatto quotidiano:

“Ecco quanto da me inviato al Direttore de Il Fatto Quotidiano:

Gentile Direttore, nell’intervista rilasciata al Suo giornale a firma di Antonello Caporale ci sono purtroppo una serie di inesattezze. Nella conversazione non ho mai parlato di fetenzie, che tra l’altro è un termine che non mi appartiene, così come non ho mai affermato che un consigliere comunale è stato arrestato. Non avrei mai potuto dirlo perché non è vero. Non ho mai parlato di ricatti e mai ho fatto cenno a questioni gestionali, dalle quali sono assolutamente distante, ma ho fatto riferimento esclusivamente a problematiche politiche, ovvero alla nascita di gruppi e gruppetti e a eventuali candidature.
Sarà stato che io sono rauco, sarà che il telefonino funzionava male fatto sta che diverse risposte sono inesatte.
Grazie, Clemente Mastella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.