Intervista all’assessore Picucci: “Da Campus critiche strumentali. Tagli al turismo dovuti a errori del passato”

Assessore Picucci, le critiche di RETE CAMPUS sono state aspre, ma puntuali. Lei ha già risposto e questa volta in modo piccato. Come mai si è risentito tanto?

Ho stima di Campus e degli spunti di riflessione che  periodicamente offre al dibattito politico ed amministrativo, ma questa volta leggo una critica fuori luogo rispetto ad un impegno amministrativo che invece va nel senso opposto , ovvero quello del recupero e della valorizzazione dei beni culturali.

Tra fondi stanziati, tentativi di recupero finanziario esterni, adesione all’Art Bonus, non penso che possano essere mosse critiche rispetto all’attenzione e all’impegno profuso nel settore”.

E secondo lei, come mai Campus è diventato così inclemente con lei?

“Vedo invece un rischio di strumentalizzazione politica delle posizioni espresse.  Mi auguro di sbagliarmi, ma certi sincronismi mediatici/consiliari lasciano più di un dubbio”.

Però, per esempio, sul turismo la sua amministrazione fa registrare un crollo di attenzione: nel bilancio di previsione per il 2018 si destinano fondi pari a 8000 mila euro. Briciole, non le pare?

Premesso che l’ipotesi di bilancio di quest’anno sarà sottoposta al vaglio del Ministero, premesso  che certe poste ,  come da prassi degli anni scorsi,  erano più sceniche che reali, premesso che  i tagli effettuati sono il prezzo da pagare per gli errori commessi da chi oggi paradossalmente  critica,  va detto che la valorizzazione del patrimonio culturale e l’attrazione dei   flussi turistici , al di là dei fondi stanziati, passa per la capacità politica ed amministrativa di valorizzare quanto di bello ha la nostra città, passa per una strategia di cooperazione  con le altre realtà campane e con gli altri centri del Sannio.

Faccio un esempio, la cartellonistica con le indicazioni dei vari monumenti e con le principali  informazioni necessarie, non prevede una spesa insostenibile, eppure rappresenta uno dei principali servizi che l’amministrazione dovrebbe garantire al turista che arriva in città”.

Beh, se la cartellonistica è ancora una questione da risolvere, vuol dire che siamo all’anno zero. 

“Il sottoscritto si adopererà per rifarla, in un momento di crisi finanziaria dell’Ente e quando, con ben alte disponibilità economiche, nessuno in passato ha provveduto”.

Non le resta che l’estate per dimostrare a Campus – ma soprattutto alla città – tutta la sua buona volontà. Dopo il boom di Città Spettacolo, lo scorso anno, gli occhi sono tutti puntati sugli appuntamenti estivi: cosa tirerà fuori dal cilindro?

“Partiremo col Premio Strega il 24 maggio. Si uscirà dal chiuso di un teatro e la presentazione  sarà all’aperto , davanti all’Arco di Traiano. Un modo per valorizzare uno dei monumenti simbolo della città ed un modo per rendere l’evento ancora più partecipato. La serata sarà condotta da Gigi Marzullo e ci saranno una serie di novità che renderanno innovativo ed ancora più interessante l’evento.

Città Spettacolo  avrà un tema di grande attualità, ci sarà più teatro rispetto alla scorsa edizione  e saranno coinvolti giovani artisti.

Il Festival del Cinema e della Tv sarà la novità di quest’estate, un evento che grazie a  nomi prestigiosi del settore sarà in grado di richiamare l’attenzione mediatica nazionale sulla nostra città.

Infine, ma lo sveleremo nelle prossime settimane, c’è qualche altra importante  iniziativa in cantiere che contribuirà ad arricchire l’offerta culturale proposta”.

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.