Kamala Harris si dirige in Romania nel suo ultimo sforzo per rassicurare gli alleati degli Stati Uniti sulla Russia

Harris incontrerà il presidente rumeno Klaus Iohannis venerdì pomeriggio prima di tenere una conferenza stampa e un ritorno tardivo a Washington. In brevi osservazioni prima dei colloqui, Harris e Yohannes hanno detto che avrebbero voluto incontrarsi in circostanze diverse.

“Tempi difficili”, ha osservato Johannes. “La tua visita qui ci dà forza ed è la prova vivente della nostra forte collaborazione”.

Harris ha affermato che la riaffermazione dell’impegno degli Stati Uniti nei confronti della Romania e della NATO è stata la ragione della sua visita, la più alta visita nella regione dall’inizio della guerra in Ucraina.

“Ecco perché sono qui”, ha detto. “Riaffermare il nostro impegno per questa partnership e amicizia, ma anche per la NATO nel suo insieme e tutto ciò che gli Stati Uniti sono stati disposti e ancora disposti a fare per il futuro, è in termini di forza e continuità di tale relazione”.

Il suo viaggio è stato una prova delle sue capacità diplomatiche e della determinazione dei più ampi alleati occidentali di opporsi al presidente russo Vladimir Putin per la sua più grande invasione terrestre dell’Europa dalla seconda guerra mondiale.

Il presidente Joe Biden ha già inviato 1000 soldati per la Romania Ha promesso sostegno al Paese in quanto assorbe un grande afflusso di migranti in fuga dalla guerra vicina. Ma la visita del secondo uomo mira a dimostrare l’impegno americano in un momento molto incerto per la regione.

A differenza dell’Ucraina, la Romania è un membro della NATO e l’attacco della Russia al paese porterebbe al Trattato di difesa collettiva dell’alleanza, che afferma che un attacco a uno è un attacco a tutti.

READ  La Russia bombarda Kiev mentre i leader europei si dirigono verso la capitale dell'Ucraina

Ma anche la protezione della NATO, il sistema di base dell’alleanza e il sistema di difesa missilistica non possono calmare completamente i nervi in ​​questo paese ex sovietico che la Russia ha ripetutamente invaso nel corso della sua storia.

Harris è arrivata a Bucarest dalla Polonia, dove ha cementato l’impegno americano nei confronti di un altro alleato della NATO, osservando attentamente la prossima mossa di Putin. Venerdì mattina ha incontrato le forze statunitensi e polacche e ha affermato che gli Stati Uniti si sono impegnati a proteggere “ogni centimetro” del territorio della NATO.

Dopo l’incontro con il presidente Andrzej Duda a Varsavia, Harris ha dichiarato: “Gli Stati Uniti sono pronti a difendere ogni centimetro del territorio della NATO. Gli Stati Uniti prendono molto sul serio il fatto che qualsiasi attacco contro uno è un attacco contro tutti”.

Ha annunciato che gli Stati Uniti hanno adempiuto alla consegna di missili Patriot alla Polonia e hanno promesso di sostenere il paese mentre è alle prese con la propria ondata di immigrati, che ha messo a dura prova le risorse pubbliche, nonostante l’accoglienza schiacciante del popolo polacco.

Tuttavia, la sua visita ha anche sottolineato i limiti della volontà degli Stati Uniti o della NATO di proteggere i civili in Ucraina. Il Pentagono considerava impossibile un piano per fornire all’Ucraina aerei da combattimento polacchi prima del loro arrivo e offriva poche indicazioni sul fatto che potessero essere rianimati in futuro.

Invece, Harris ha sottolineato il supporto militare che gli Stati Uniti stavano già fornendo all’Ucraina a causa della mancanza di potenza aerea, compresi i missili anticarro, che il presidente del paese, Volodymyr Zelensky, ha ritenuto insufficiente.

READ  L'Italia sequestra la barca a vela del miliardario russo Melnichenko

“Effettuiamo consegne ogni singolo giorno in termini di ciò che possiamo fare”, ha affermato Harris. Alla domanda su cosa potrebbe aspettarsi di più l’Ucraina, ha detto: “Questo è un processo in corso e non si fermerà al punto in cui ce n’è bisogno”.

Harris ha anche esagerato le atrocità che secondo lei stavano avvenendo in Ucraina, anche se hanno smesso di chiamarle crimini di guerra. Le Nazioni Unite hanno chiesto un’indagine sulla questione.

Ma è rimasto fedele alla linea rossa di Biden, che era che l’esercito americano non sarebbe intervenuto direttamente nella guerra.

Un funzionario in viaggio con il vicepresidente ha affermato che la sua visita doveva essere più che simbolica, intesa a mostrare che gli Stati Uniti stavano mettendo i loro “buoni soldi” inviando truppe aggiuntive nelle regioni orientali della NATO.

Ma il funzionario ha anche riconosciuto che il tipo di diplomazia rassicurante di Harris ha acquisito maggiore importanza perché Biden è intenzionato a evitare un conflitto diretto con la Russia.

“Il presidente è stato molto chiaro sul non impegnarsi in un conflitto militare diretto con la Russia, sul non inviare truppe in Ucraina, ma è stato anche chiaro… sulla nostra determinazione a far pagare la Russia per questo e continuare a fornire assistenza all’Ucraina”, il funzionario Detto qui per assicurarci di poterlo fare in modo efficiente. E penso che siano stati molto efficaci nel farlo”.

Chiarimento: questa storia è stata aggiornata per descrivere in modo più accurato le relazioni politiche tra la Romania e l’Unione Sovietica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.