La BMW interrompe la produzione in Russia e interrompe le esportazioni nel Paese

BERLINO – Il produttore tedesco di auto di lusso Bayerische Motoren Werke AG ha dichiarato martedì di aver smesso di esportare automobili in Russia e di smettere di assemblare veicoli con un partner a Kaliningrad.

“Condanniamo l’aggressione contro l’Ucraina e seguiamo gli sviluppi con grande preoccupazione e sgomento”, ha affermato un portavoce della Bmw. “A causa dell’attuale situazione geopolitica, interromperemo la nostra produzione interna ed esporteremo al mercato russo fino a nuovo avviso”.

BMW ha anche affermato che le interruzioni della catena di approvvigionamento, come la chiusura di alcune fabbriche di fornitori in Ucraina, avrebbero colpito la produzione in alcuni stabilimenti.

La BMW ha deciso due anni fa di non costruire un proprio stabilimento a Kaliningrad e ha invece stretto una partnership con la casa automobilistica russa Avtotor, che assembla auto BMW da set semi-knockout.

I kit contengono componenti del veicolo e sono assemblati in veicoli azionati in fabbrica, una pratica comune nell’industria automobilistica quando non è economicamente fattibile gestire un impianto a tutti gli effetti.

La decisione della BMW arriva dopo che un numero crescente di case automobilistiche ha interrotto le fabbriche in Russia o ha smesso di vendere automobili lì dopo che i paesi occidentali hanno imposto una serie di misure economiche e finanziarie. Sanzioni a Mosca.

READ  Quali aziende tecnologiche hanno interrotto i legami con la Russia per la guerra in Ucraina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.