La Parker Solar Probe della NASA è la prima navicella spaziale a “toccare” il sole

“La sonda solare Parker ‘toccare il sole’ è un risultato epocale e davvero notevole per la scienza solare”, ha affermato Thomas Zurbuchen, co-direttore esecutivo della direzione delle operazioni scientifiche della NASA.

“Questa pietra miliare non solo fornisce approfondimenti sull’evoluzione del nostro Sole e sui (suoi) effetti sul nostro sistema solare, ma ci insegna anche di più sul resto dell’universo mentre impariamo a conoscere la nostra stella”.

La Parker Solar Probe è stata lanciata nel 2018 e ha iniziato a orbitare sempre più vicino al sole. Il nome della navicella è Scienziati compresi gli astronomi Eugene Parker, Per rispondere alle domande fondamentali sul vento solare che soffia particelle energetiche in tutto il sistema solare e lascia il sole.

La corona del sole è molto più calda della superficie effettiva della stella e può fornire informazioni sul perché la navicella spaziale. La corona è di 1 milione di gradi Kelvin (1.800.000 gradi Fahrenheit) nel suo punto più caldo e la superficie è di 6.000 Kelvin (10.340 gradi Fahrenheit).

La navicella spaziale ha già rivelato alcune incredibili scoperte sul sole, inclusa la scoperta di strutture magnetiche a zig-zag nel vento solare nel 2019. Sta cambiando.

Ora, grazie al recente approccio di Parker al sole, la navicella spaziale ha aiutato gli scienziati a determinare se questi tornanti hanno origine dalla superficie del sole.

La missione della NASA di toccare il sole sta svelando i misteri della nostra stella

Parker avrebbe fatto 21 primi piani del sole in sette anni prima che la missione della sonda solare fosse completata. Lo studio orbiterà a 3,9 milioni di miglia dalla superficie del Sole nel 2024, il pianeta più vicino al Sole a Mercurio.

Sebbene sia lontano, i ricercatori hanno scoperto che è l’equivalente di sedersi su una linea di quattro yarde su un campo di calcio e la zona finale del sole.

READ  Giornata difficile nel mercato obbligazionario: il picco dei rendimenti dei Treasury, il tasso ipotecario fisso a 30 anni si avvicina al 4%. Dov'è il numero magico?

Quando sono molto vicini al sole, gli scudi solari composti da carbonio da 4 pollici di spessore possono resistere a temperature fino a 2.500 gradi Fahrenheit. Tuttavia, l’interno del veicolo spaziale e le sue attrezzature saranno a una temperatura ambiente confortevole.

“Volando molto vicino al sole, la Parker Solar Probe ora non sarà mai in grado di percepire lo strato magnetico dominante dell’atmosfera solare – la corona -“, ha affermato Noor Rauffi, uno scienziato del progetto Parker presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory. Laurel, Maryland, in una dichiarazione.

“La prova della presenza della corona può essere vista nei dati del campo magnetico, nei dati del vento solare e nelle immagini visive. Possiamo effettivamente vedere il veicolo spaziale volare attraverso strutture coronali visibili durante un’eclissi solare totale”.

Avvicinarsi con una stella

Ad aprile, l’equipaggio della Parker si è reso conto che la loro navicella spaziale aveva attraversato il confine ed era entrata per la prima volta nell’atmosfera solare.

Ciò si è verificato quando la navicella spaziale ha posto fine alla massiccia atmosfera solare del Sole e ha registrato specifici livelli magnetici e di particelle al confine dove è iniziato il vento solare, a 8,1 milioni di miglia dalla superficie del Sole.

“Prima o poi, prevediamo di incontrare Corona per almeno un breve periodo”, ha affermato BWX Technologies, Inc., un importante professore di ricerca e professore presso l’Università del Michigan. Ha detto Justin Caspar, vice chief technology officer dell’azienda. Una dichiarazione. “È molto eccitante che l’abbiamo già raggiunto”.

Durante il flyback di aprile, Parker si è intrecciato più volte all’interno e all’esterno della corona, il che ha aiutato i ricercatori a capire che il confine noto come superficie vitale di Alfvén non era un cerchio liscio attorno al sole. Al contrario, ha picchi e valli. Comprendere l’esistenza di queste caratteristiche consentirà agli scienziati di abbinarle all’attività solare dalla superficie del sole.

READ  Il FMI afferma che le economie emergenti devono essere preparate alle misure di austerità da parte della banca centrale

Durante il volo, Parker ha fatto un altro misterioso incontro mentre passava a 6,5 ​​milioni di miglia sopra la superficie del sole. Ha attraversato una caratteristica chiamata pseudostream, una grande struttura che si erge sopra la superficie del sole vista dalla Terra durante un’eclissi solare.

Parker Solar Probe ha visto questi streamer quando ha volato attraverso la corona all'inizio di quest'anno.

Mentre l’astronave volava attraverso lo pseudostream, le cose erano silenziose come l’occhio di un ciclone. In genere, Parker è bombardato da particelle mentre vola nel vento solare. In questo caso le particelle si muovevano lentamente e i tornanti a zig-zag diminuivano.

La navicella volerà di nuovo attraverso Corona a gennaio, quando farà il suo prossimo volo.

Nicola Fox, direttore della divisione eliofisica della NASA, ha dichiarato in una nota: “Sono entusiasta di vedere cosa scoprirà Parker nei prossimi anni quando passerà di nuovo attraverso la Corona”. “L’opportunità di nuove scoperte è illimitata.”

Gli esperti dicono che il sole ha iniziato un nuovo ciclo solare

Parker potrebbe trovarsi nel posto giusto al momento giusto quando si vola in futuro, poiché il ciclo di 11 anni del sole si riscalda nei prossimi anni. Ogni 11 anni, il sole completa il suo ciclo solare di attività calma e tempestosa e ne avvia uno nuovo.

Comprendere la rotazione solare è importante perché le condizioni meteorologiche spaziali a energia solare – eruzioni come brillamenti solari ed eventi di emissione di massa coronale – possono influenzare la rete elettrica, i satelliti, il GPS, le compagnie aeree, i razzi e gli astronauti nello spazio.

Il Nuovo ciclo solareLanciato a dicembre 2019, si prevede che raggiungerà il picco nel luglio 2025, ovvero un aumento dell’attività solare.

Ciò significa che il bordo esterno della corona solare si espanderà e Parker potrebbe trascorrere più tempo a volare nella misteriosa atmosfera esterna del Sole.

READ  Andiamo I-95

“Questa è un’area molto importante perché pensiamo che tutti i tipi di fisica siano guidati”, ha detto Caspar. “Ora veniamo alla parte in cui parliamo della via di mezzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *