La Russia prende di mira i media con la legge sulle “notizie false” e blocca Facebook

La Russia ha promulgato una legge che punisce chiunque sia ritenuto colpevole di false dichiarazioni dalle autorità Invasione del paese dell’UcrainaSi riferisce al Cremlino come a un’operazione militare speciale.

La legge, una modifica alla legge penale del paese approvata venerdì dalla Camera dei Comuni russa, afferma che chiunque venga ritenuto colpevole di aver diffuso consapevolmente informazioni e dati falsi sull’uso delle forze armate russe potrebbe essere incarcerato. Una multa fino a 15 anni o 1,5 milioni di rubli, pari a circa $ 14.000. Anche la segnalazione di dati sulle vittime militari russe non forniti dal Ministero della Difesa russo sarebbe considerata una violazione.

La mossa ha portato le testate giornalistiche a valutare le loro preferenze, inclusa la sospensione delle operazioni in Russia, la limitazione dell’uso dei file dei loro giornalisti o l’adesione alla descrizione del Cremlino delle sue operazioni in Ucraina come un’operazione militare speciale o una missione di mantenimento della pace.

La CNN ha annunciato venerdì che avrebbe sospeso le trasmissioni in Russia, mentre la British Broadcasting Corporation e Bloomberg News hanno deciso di sospendere il lavoro dei loro giornalisti nel paese.

Insieme alla decisione delle autorità russe di bloccare venerdì

Meta piattaforme Inc.

FB -1,43%

Facebook

FB -1,43%

Nel Paese, la legge ha segnato un’estensione degli sforzi della Russia per arginare il flusso di informazioni contrarie alla sua storia. Conflitto in Ucraina E il ruolo dell’esercito russo nell’innescare una crisi umanitaria.

Dmitry Muradov, vincitore del Premio Nobel per la pace, afferma che il suo giornale rimuoverà le informazioni che descrivono la guerra, l’occupazione o l’invasione dell’Ucraina dal suo sito web.


Foto:

Natalia Kolesnikova / Agence France-Presse / Getty Images

Il Cremlino descrive le sue operazioni come una “operazione militare speciale” finalizzata alla sicurezza della Russia e alla sicurezza delle persone di lingua russa nella regione orientale del Donbass in Ucraina.

Sabato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che la legge è giusta.

“Era urgentemente necessario in connessione con la guerra dell’informazione completamente senza precedenti scatenata contro il nostro paese”, ha affermato. “In questo contesto… è necessario accettare una legislazione rigorosa”.

Sabato, Alexander Kinstein, presidente del Comitato per l’informazione della Duma di Stato, ha dichiarato all’agenzia di stampa statale RIA Novosti che la legge sarà ampliata per includere informazioni non solo sulle forze armate del paese, ma anche sulla guardia del corpo nazionale russa e sull’organizzazione militare dello stato.

Vyacheslav Volodin, capo della Duma di Stato, la camera bassa del parlamento russo, ha affermato che la legge è stata progettata per punire le persone e i punti vendita per la diffusione di notizie false. Ha anche accusato i siti di social media statunitensi, inclusi Facebook, Twitter e YouTube, di aver lanciato una “guerra dell’informazione contro la Russia”.

Twitter Inc.

Ha rifiutato di commentare, e Google madre di YouTube, un’unità

lettere Inc.,

Richiesta di commento senza risposta.

autorità russe In risposta alle restrizioni di Facebook venerdì, il sito di social media ha affermato che i media russi includevano l’agenzia di stampa statale RIA Novosti, Sputnik, RT, il canale televisivo Zvezda, Lenta.ru e Gazeta.ru.

“Presto milioni di russi comuni si escluderanno da informazioni credibili”, ha affermato Nick Clegg, capo degli affari globali di Meta. “Continueremo a fare tutto il possibile per ripristinare i nostri servizi in modo che le persone possano esprimersi in modo sicuro e protetto e prendere accordi per l’azione”.

La BBC ha detto che sospenderà il lavoro di tutti i giornalisti in Russia a causa della legge.

“Questa legge sembra criminalizzare il processo del giornalismo indipendente”, ha detto venerdì il direttore generale della BBC Tim Davy. “La sicurezza dei nostri dipendenti è fondamentale e non siamo disposti a esporli al rischio di procedimenti penali per aver svolto il loro lavoro”. La BBC riferisce che il BBC News Service in russo continuerà ad operare al di fuori della Russia.

Bloomberg News ha anche affermato che sospenderà il lavoro dei suoi giornalisti all’interno della Russia. “Il cambiamento nel diritto penale è progettato per trasformare qualsiasi giornalista indipendente in un criminale che non può perseguire alcuna parvenza di giornalismo ordinario all’interno del paese”, ha scritto in una nota il caporedattore John Micklewhite. lavoratori.

Nel frattempo, un portavoce della rete ha dichiarato alla CNN: “Le trasmissioni in Russia saranno sospese e continueremo a valutare la situazione e ad andare avanti con i nostri prossimi passi”. Un portavoce di CBS News ha affermato che la rete non è stata trasmessa dalla Russia quando abbiamo monitorato le circostanze del nostro gruppo sulla base delle leggi sui nuovi media approvate venerdì.

Non è immediatamente chiaro come verrà attuata la nuova legge e le testate giornalistiche stanno ancora lavorando per implementarne le implicazioni.

Un portavoce di Dow Jones & Co., che pubblica il Wall Street Journal, ha dichiarato: “Le nostre priorità principali sono la sicurezza dei nostri dipendenti e che questa storia importante sia giusta e completa”. “Essere a Mosca, poter parlare liberamente con le autorità e cogliere l’atmosfera è importante per quella missione”. La società ha rifiutato di fornire dettagli specifici sui piani per i dipendenti nella regione.

Un portavoce e portavoce del Washington Post ha dichiarato: “Dobbiamo essere cauti quando si tratta di chiarire in che modo queste restrizioni influenzeranno i giornalisti del Washington Post e il personale locale”.

La scorsa settimana il regolatore delle comunicazioni russo ha ordinato la rimozione dai media dei rapporti che descrivono l’attacco di Mosca all’Ucraina come un “attacco, invasione o dichiarazione di guerra” o l’imposizione di multe o restrizioni.

Il quotidiano russo Novaya Gazeta, il suo editore Dmitry Muradov, è stato il co-vincitore lo scorso anno. Premio Nobel per la pace, Venerdì ha detto che avrebbe rimosso dal suo sito web i contenuti che potrebbero essere descritti come guerra, occupazione o invasione in Ucraina. Il giornale, noto per la sua copertura critica e investigativa degli affari politici e sociali russi, ha scritto di essere stato costretto a prendere una decisione.

Venerdì scorso, i membri della Duma di Stato hanno approvato emendamenti alla legge penale del Paese che “aumenterebbero la responsabilità della diffusione della contraffazione”. [news] Per quanto riguarda le azioni delle forze armate della Federazione Russa e il pubblico chiede l’imposizione di sanzioni contro la Russia “, secondo le informazioni sulle modifiche alla legge pubblicate sul sito web del governo.

La legge stabilisce che una persona che viola la legge per motivi ufficiali è punita con la reclusione fino a 10 anni per “odio o inimicizia politica, ideologica, razziale, etnica, religiosa o religiosa o per motivi di odio o inimicizia contro qualsiasi gruppo sociale. “

La legge prevede che se la violazione ha gravi conseguenze, l’autore del reato sarà condannato a “da 10 a 15 anni di reclusione”.

Consiglio federale, Camera alta e Presidente del Parlamento

Vladimir Putin

Entrambi hanno approvato la legge. La fase finale è che dovrebbe essere rilasciato, che potrebbe arrivare sabato.

Scrivere a Ann M. a [email protected] Simmons e Alexandra Broole a [email protected]

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  40 La migliore lavello inox del 2022 - Non acquistare una lavello inox finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.