L’autocensura degli atleti olimpici non si fermerà al ritorno dalla Cina: esperti di diritti umani

L’autocensura degli atleti olimpici delle loro critiche al governo cinese non si ferma quando lasciano il paese, affermano diversi esperti di diritti umani, poiché gli atleti fanno affidamento su lucrativi accordi di sponsorizzazione aziendale con società che rischiano di perdere denaro se gli atleti criticano il Partito Comunista Cinese.

Durante una conferenza stampa a gennaio, un funzionario del governo cinese ha affermato che qualsiasi discorso contro “leggi e regolamenti” cinesi durante i Giochi Olimpici di Pechino è soggetto a “certe punizioni”.

“Qualsiasi comportamento o discorso contrario allo spirito olimpico, in particolare contro le leggi e i regolamenti cinesi, è anche soggetto a determinate punizioni”, ha affermato Yang Shu, vicedirettore generale delle relazioni internazionali per il Comitato Organizzatore di Pechino (BOC).

Ma anche dopo la fine delle cerimonie di chiusura a Pechino e gli atleti lasciano il mare per tornare negli Stati Uniti, quegli atleti sperano di ottenere sponsorizzazioni con le principali società, molte delle quali conducono affari in Cina.

Diversi esperti di diritti umani ritengono che quelle stesse società potrebbero costringere gli atleti ad autocensurare le loro opinioni sulle violazioni dei diritti umani in Cina nell’interesse del denaro.

LA CINA AVVISA GLI ATLETI OLIMPICI STRANIERI CHE LE DICHIARAZIONI POLITICHE DURANTE LE GIOCHI “SONO SOGGETTE A” PUNIZIONI

Cina

La Repubblica popolare cinese marcia nello stadio nazionale il 12 febbraio 4, 2022, a Pechino, Cina. (Annice Lyn/Getty Images/Getty Images)

Ad esempio, Airbnb, Alibaba Group, Allianz, Coca Cola, Samsung e altri sono tutti sponsor di Squadra USAe tutti conducono affari in Cina. Le aziende fanno anche parte dell’Olympic Partner Program, quale è il “più alto livello di partnership olimpica.

READ  40 La migliore igrometro per casa del 2022 - Non acquistare una igrometro per casa finché non leggi QUESTO!

Teng Biaoun attivista per i diritti umani e professore in visita presso l’Università di Chicago, ha detto a Fox News Digital che è possibile che gli atleti autocensurino il loro discorso per proteggere le sponsorizzazioni con le società che possono condurre affari in Cina e ha notato che ci sono stati esempi di ritorsioni da parte del governo cinese nel passato.

“Il governo cinese in realtà usa spesso la coercizione economica per raggiungere i propri obiettivi politici”, ha affermato Biao.

Biao ha affermato che gli atleti che si affiliano a società con stretti legami con la Cina o il mercato cinese si mettono nella “posizione di scegliere tra il principio e il profitto”.

Nonostante i rischi, Biao ha affermato che gli atleti olimpici hanno la “responsabilità morale” di parlare contro il governo cinese ai Giochi Olimpici perché sta usando l’evento come uno “strumento di propaganda”.

Ha definito l’evento i “giochi del genocidio” e ha affermato che la Cina sta ospitando i Giochi Olimpici come un modo per “imbiancare i crimini contro l’umanità e il genocidio”, fornendo esempi come le violazioni dei diritti umani a Hong Kong e la popolazione uigura.

Biao ha affermato che è improbabile che il governo cinese detenga o torturi un atleta olimpico per aver criticato il governo, anche se ha notato che gli atleti potrebbero essere espulsi dal paese.

Yaqi Wangun ricercatore cinese senior per Human Rights Watch, ha detto a Fox News Digital che gli atleti che hanno sponsorizzazioni con la Cina potrebbero autocensurare le loro critiche al governo cinese per paura di possibili ritorsioni.

I RESIDENTI DI PECHINO DELUDENTI LE OLIMPIADI SARANNO CHIUSE AL PUBBLICO

“Il governo cinese ha sfruttato il lato economico delle cose, l’accesso al mercato per fare pressione sulle aziende per seguire le linee del partito”, ha detto Wang. Se vuoi che i tuoi interessi economici siano tutelati, vuoi evitare di criticare il governo”.

Wang ha anche affermato che il governo cinese sta “sfruttando il lato economico delle cose per i propri scopi politici”.

Ha aggiunto che gli atleti autocensureranno “assolutamente” il loro discorso in Cina per evitare possibili azioni contro di loro da parte del governo.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Olimpiadi invernali di Pechino

Una donna posa per una foto davanti a Dwen e Shuey Rhon Rhon, mascotte dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali di Pechino 2022, poche ore prima della cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali di Pechino 2022 Febbraio 2022. 4, 2022. (Noel Celis / AFP tramite Getty Images)

Wang ha affermato che il Comitato Olimpico Internazionale non avrebbe dovuto concedere i Giochi Olimpici Invernali alla Cina perché sta mettendo gli atleti in una situazione pericolosa e ha affermato che serve anche come un modo per legittimare le politiche in Cina.

“Ci sono anche molti, sai, leader di governo, leader mondiali, incluso il capo del [United Nations], pronunciando un discorso durante la cerimonia di apertura, “ha detto Wang.” È un modo per dimostrare che, sai, tutti questi dignitari nazionali vengono qui per congratularsi con l’apertura dei giochi. Ovviamente sta usando il gioco per legittimare le sue politiche. Non ci sono dubbi su questo”.

Peter Aitken di Fox News ha contribuito a questo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.