Le azioni asiatiche hanno toccato i minimi da 16 mesi a causa dell’incendio della centrale nucleare ucraina

SINGAPORE (Reuters) – Le azioni asiatiche e l’euro sono scese venerdì, mentre i prezzi del petrolio sono saliti a causa dei timori degli investitori per la notizia di un incendio di una centrale nucleare in mezzo ai pesanti combattimenti tra le forze ucraine e russe.

La propensione al rischio ha colpito i mercati di tutta la regione, facendo scendere anche i futures di Wall Street, indicando un maggiore dolore per i mercati europei e statunitensi quando apriranno nel corso della giornata.

L’agenzia di stampa RIA ha citato il ministero dell’Energia Atomica ucraino dicendo che un’unità di generazione presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya, la più grande del suo genere in Europa, è stata bombardata durante un attacco delle forze russe.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Sebbene da allora i prezzi abbiano ridotto le perdite dai minimi mattutini dopo le segnalazioni di nessun cambiamento immediato nei livelli di radiazioni nella regione, gli investitori rimangono molto preoccupati.

“I mercati sono preoccupati per le ricadute nucleari. Il rischio è che ci sia un errore di calcolo o una reazione eccessiva e la guerra si trascina”, ha affermato Vasu Menon, direttore esecutivo della strategia di investimento presso OCBC Bank.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica, escluso il Giappone (MIAPJ0000PUS.) È sceso dell’1,6% a 585,5, il più basso da novembre 2020, portando le perdite da inizio anno al 7%. Ha recuperato alcune perdite ma è rimasto in calo dell’1,4%.

“I mercati non vogliono l’impatto dell’infezione e più paesi europei colpiti dalla crisi”, ha affermato Menon. “Se gli investitori stanno cercando di acquistare, devono avere una forte propensione al rischio a lungo termine”.

READ  Piattaforma editore: Cronobatterio per lattanti e focolaio di salmonella: ho ancora domande

I mercati azionari di tutta l’Asia erano in un mare di rosso, con il Giappone (.N225) Una perdita del 2,6%, Corea del Sud 1,3%, Cina (.SSEC) 0,7% e Hong Kong 2,7%, mentre l’Australia è merci pesanti (.AXJO) È diminuito dello 0,7%.

I futures S&P 500 sono scesi dello 0,9% e i futures Nasdaq sono scesi dell’1%. Durante la notte, Wall Street ha chiuso in ribasso poiché gli investitori sono rimasti in guardia sulla crisi ucraina, mentre anche i prezzi più elevati delle materie prime hanno pesato sul sentiment del mercato.

Gli investitori hanno cercato un rifugio sicuro nei Treasury statunitensi, portando i rendimenti benchmark a 10 anni in calo di 14 punti base all’1,7%. Più tardi, sono tornati un po’ indietro all’1,78%.

I prezzi del petrolio sono aumentati venerdì dopo aver chiuso invariato il giorno prima, con il mercato anche concentrato sul fatto che i produttori OPEC+, tra cui Arabia Saudita e Russia, aumenteranno la produzione da gennaio.

I futures sul greggio Brent per maggio sono saliti a $ 114,23 al barile, l’ultimo aumento dell’1,5% a $ 112,2. Giovedì il contratto è sceso del 2,2%.

Non c’è stato alcun rallentamento nemmeno in altre materie prime, con i futures sul grano di Chicago che sono balzati di quasi il 7%, portando i guadagni settimanali a oltre il 40% a causa di preoccupazioni dal lato dell’offerta.

Sul fronte dei dati economici, il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti di venerdì dovrebbe mostrare un altro mese di forte crescita dell’occupazione, con l’ondata di contagio mutevole di Omicron COVID-19 in calo in modo significativo.

READ  Lo stock di neve scende nella guida alla crescita dei ricavi per l'anno fiscale 2023

Ha affermato David Goodman, capo economista di Aware Super, uno dei più grandi fondi pensione australiani, che gestisce oltre 150 miliardi di dollari.

La volatilità del mercato sottolinea la necessità di un portafoglio diversificato con esposizione a diversi mercati, ha affermato Goodman, aggiungendo che il portafoglio del fondo comprende società nei settori delle energie rinnovabili, delle infrastrutture digitali, dell’edilizia abitativa e della logistica.

Anche i prezzi dell’oro sono aumentati venerdì, puntando al miglior guadagno settimanale da maggio 2021. L’oro spot è aumentato dello 0,2% a $ 1.939,5.

Nei mercati valutari, l’euro ha perso più terreno ed era pronto per la peggiore settimana contro il dollaro in nove mesi. È sceso dello 0,3% a $ 1,10320 e ha scambiato al di sopra dei minimi della giornata. Questa settimana ha perso circa l’1,8%, la peggiore settimana per l’euro da giugno 2021.

Giovedì il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha ribadito i suoi commenti di mercoledì secondo cui avrebbe sostenuto un aumento iniziale di un quarto di punto del tasso di interesse di riferimento della banca.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Anshuman Daga Reporting) Montaggio di Edwina Gibbs e Sam Holmes

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.