Le società tecnologiche tra cui YouTube, Facebook e Dictoc di Google vietano RT in Europa

Queste misure provocheranno ritorsioni da parte della Russia, che ha già limitato i servizi di social media in risposta alle precedenti misure adottate dalle aziende per ridurre la capacità del Cremlino di diffondere disinformazione e propaganda sulla sua occupazione dell’Ucraina.

“A causa della guerra in corso in Ucraina, stiamo bloccando i canali YouTube affiliati a RT e Sputnik in tutta Europa, che entreranno in vigore immediatamente”, ha affermato Google Europe in un tweet. “Ci vorrà tempo prima che il nostro sistema migliori completamente. I nostri team monitorano costantemente la situazione 24 ore al giorno per intervenire immediatamente.

I media statali RT e Sputnik si sono affidati ai social network americani e al TikTok di proprietà cinese per ottenere un ampio seguito e raggiungere un pubblico al di fuori dei confini della Russia. Il canale Facebook di RT ha più di 7 milioni di follower, anche se non è chiaro quanti siano nell’UE. L’account YouTube di RT ha 4,65 milioni di follower in inglese e 5,94 milioni in spagnolo. RT e Sputnik gestiscono anche i principali canali televisivi e stazioni radio in molti paesi.

Ma le aziende della Silicon Valley sono da tempo riluttanti a tagliare i media di proprietà statale, nonostante siano portavoce di visioni del mondo distorte del governo straniero. Invece, hanno scelto di etichettare i punti vendita come media statali.

All’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, le aziende hanno continuato a verificare l’autenticità dei contenuti personali e hanno resistito alle richieste di sanzioni totali.

Secondo uno studio dell’Oxford Internet Institute dell’Università di Oxford, c’è stata una proliferazione di disinformazione da parte dei media sostenuti dalla Russia, inclusi articoli falsi che accusavano le forze armate ucraine di aver attaccato civili o aree separatiste o di aver tentato di distruggere infrastrutture vitali in Russia. Almeno 30 articoli hanno avvertito che l’Ucraina potrebbe aver iniziato a sviluppare armi nucleari o che “cosa potrebbe portare ad armi nucleari nelle mani dell’estrema destra” o accusare il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky di avere una “pericolosa fantasia nucleare”. Fondare. Sebbene Zhelensky fosse ebreo, i media statali russi hanno anche cercato di ritrarre l’Ucraina come associata alle organizzazioni di estrema destra e ai nazisti.

READ  40 La migliore letto matrimoniale con contenitore del 2022 - Non acquistare una letto matrimoniale con contenitore finché non leggi QUESTO!

Ma la pressione sulle società di social media per utilizzare il loro potere come guardiani è aumentata rapidamente. In primo luogo, il governo ucraino ha chiesto alle società di vietare i canali all’interno dei suoi confini e le società hanno rispettato.

Ma anche la Russia sta sopportando sempre più il peso delle aziende tecnologiche, costringendo i suoi media statali a consentire l’accesso ai loro siti. Martedì mattina, il comitato di verifica di Internet del paese ha dichiarato di aver inviato lettere a YouTube e Dictok chiedendo l’immediata revoca delle restrizioni su RT e Sputnik in Europa.

La società ha affermato che le lettere sono arrivate pochi giorni dopo che la Russia ha iniziato a rallentare il traffico verso i servizi di Facebook come rappresaglia per i resoconti dei media statali all’avanguardia. Twitter ha anche affermato che è stato vietato per alcuni in Russia.

Venerdì, Facebook e YouTube hanno bandito gli annunci dai media statali russi, impedendo alle aziende di generare entrate dai contenuti che supportano l’invasione.

Lunedì, Facebook e TikTok hanno annunciato che avrebbero sospeso l’accesso a RT e Sputnik in Europa. L’annuncio di Facebook è stato rilasciato Twitta Da Nick Clegg, il suo capo degli affari globali. TikTok ha confermato la sua decisione al Washington Post lunedì scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.