L’equipaggio di un cosmonauta tutto russo decolla verso la Stazione Spaziale Internazionale

I cosmonauti Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-21 sono decollati dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan alle 11:55 ET. Il lancio e il volo dell’equipaggio verso la stazione spaziale, che dovrebbe durare poco più di tre ore, saranno trasmessi in diretta sul sito web della NASA. sito web.

È il primo volo spaziale di Matveyev e Korsakov e il trio trascorrerà i prossimi sei mesi e mezzo a bordo della stazione spaziale.

Gli astronauti guidarono manualmente la Soyuz attraverso la docking station e attraccarono con successo alle 15:12 ET. Il portello è stato aperto alle 17:48 ET e sono stati accolti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale da due cosmonauti russi, quattro astronauti della NASA e un cosmonauta dell’Agenzia spaziale europea. I membri dell’equipaggio sorridevano e si coccolavano a vicenda dopo aver attraversato il portello.

Questo porta l’equipaggio della stazione a 10.

I lanci della Soyuz russa di solito includono due cosmonauti e almeno un cosmonauta della NASA o un altro partner internazionale a causa di un accordo di scambio di equipaggio tra Roscosmos e altre agenzie.

Questa non è la prima volta che avviene una missione tutta russa: una troupe russa è volata alla stazione in ottobre per girare il primo film nello spazio.

La troupe russa avvolge il film pionieristico nello spazio e torna sano e salvo sulla Terra

Sebbene il lancio di questo cosmonauta avvenga in un momento di crescenti tensioni geopolitiche, l’assenza della partecipazione di altre nazioni è stata fortuita e si basa su un precedente accordo tra la NASA e Roscosmos per posticipare lo scambio dell’equipaggio per future missioni nel 2022.

“Stiamo ancora pianificando di lavorare allo scambio dell’equipaggio”, ha affermato Joel Montalbano, responsabile del programma della Stazione Spaziale Internazionale della NASA, durante una conferenza stampa lunedì. “Quindi abbiamo ancora un programma di allenamento per Rocosmos per venire a Houston e Hawthorne e il nostro team per andare a Star City e allenarsi alla Soyuz.

READ  Lanciato il potente satellite GOES-T per monitorare il tempo e il clima della Terra

“In termini di interazione con la Casa Bianca, capiscono che continuiamo con questi processi. Di tanto in tanto riceviamo domande e rispondiamo, ma oggi continuiamo a lavorare su quegli accordi”.

Gli astronauti decollano a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-21 dal Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan.

Montalbano non ha risposto alla domanda sull’estensione della partnership della ISS con la Russia fino al 2030.

Alla domanda se le attuali tensioni sulla Terra si sono tradotte nell’equipaggio a bordo della stazione spaziale, Montalbano ha detto: “Quando sei nello spazio, non ci sono confini. Non vedi confini di stato o confini di stato”.

“I team continuano a lavorare insieme. Sono consapevoli di cosa sta succedendo sulla Terra? Certo. Gli astronauti e i cosmonauti sono alcuni dei gruppi più professionali che tu abbia mai visto. Continuano a lavorare molto bene e non c’è davvero nessuna tensione con il team. Questo è ciò per cui sono stati addestrati e sono lì a fare questo lavoro.

ritorno sulla terra

Il 30 marzo, l’astronauta della NASA Mark Vande Hee dovrebbe tornare sulla Terra con i cosmonauti russi Anton Shkaplerov e Pyotr Dubrov.

Vande Hei, che è decollato verso la Stazione Spaziale Internazionale nell’aprile 2021, ha superato il record di 340 giorni nello spazio dell’astronauta della NASA Scott Kelly il 15 marzo e quando atterrerà in Kazakistan, avrà stabilito un nuovo record per la quantità di tempo un essere umano spende. Trascorso nello spazio: 355 giorni.

L’agenzia spaziale ha cercato di riaffermare lunedì che sta ancora lavorando a stretto contatto con l’agenzia spaziale russa Rokosmos sulla Stazione Spaziale Internazionale, nonostante l’escalation delle tensioni geopolitiche.

Secondo Montalbano, le operazioni congiunte tra la Nasa e Roscosmos presso le strutture russe di Baikonur, in Kazakistan, “stanno ancora andando bene”. “Posso sicuramente dirtelo, Mark [Vande Hei] Tornerà a casa “a bordo di una navicella spaziale russa Soyuz”, ha detto Montalbano lunedì. Siamo in contatto con i nostri colleghi russi, su questo non c’è nebbia. “

La NASA afferma che gli americani a bordo della Stazione Spaziale Internazionale torneranno sicuramente a bordo di un razzo russo.

I funzionari della NASA non hanno dichiarato che ci saranno cambiamenti significativi ai piani per riportare Vande Hee negli Stati Uniti dopo l’atterraggio. Tornerà a casa via Gulfstream, come hanno fatto altri astronauti americani prima di lui.

READ  Nubi di ferro, pioggia di titanio, vento forte

Per quasi un decennio, i veicoli russi Soyuz sono stati l’unico mezzo di trasporto degli astronauti da e verso la stazione spaziale. Ma quella dipendenza è finita dopo che SpaceX ha lanciato la sua capsula Crew Dragon nel 2020 e gli Stati Uniti hanno ripristinato le capacità di volo spaziale umano.

Quando a Kristen Fisher della CNN Montalbano è stato chiesto se la NASA avesse piani di emergenza nel caso in cui le relazioni tra Stati Uniti e Russia si fossero deteriorate, ha detto: “La Stazione Spaziale Internazionale, te lo dico io, è il modello principale per la cooperazione internazionale. Noi’ abbiamo parlato in precedenza (della) interdipendenza che abbiamo tra la parte americana e quella russa. Ecco perché siamo in grado di operare e come operiamo … In questo momento non ci sono indicazioni dai nostri partner russi che vogliano fare questo è qualcosa di diverso. Quindi pianifichiamo di continuare le operazioni come siamo oggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *