LeU, Masone bacchetta SI: “Napoletano va sostenuto. Scatto di maturità, basta con le biografie”

Liberi e Uguali deve fare un passo in avanti, uno scatto di maturità. Azzerare le biografie, come da tempo dice il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, per costruire un programma alternativo e credibile; guardare al futuro ed essere lungimiranti”, così Leonardo Masone, consigliere comunale di Pietrelcina, approdato in Liberi e Uguali dalla patre di Sinistra Italiana, rispetto alla quale qualche settimana fa ha espresso posizioni divergenti. 

“LeU – scrive Masone – deve essere capace di abbandonare certe modalità gruppettare per aprire a protagonismi nuovi: solo così sarà capace di costruire una nuova classe dirigente, giovane e competente, abile a comprendere le esigenze delle realtà territoriali e ad avere il polso degli interessi delle classi popolari”. Il riferimento è a quel che resta di Sinistra Italiana, che sulle candidature sta in questi giorni avanzando obiezioni e ponendo veti.

“L’innovazione politica – spiega Masone, strizzando l’occhio alle dinamiche nazionale di una sinistra che prova a rimettersi un cammino –  diventa la strada maestra per fronteggiare i nodi della contemporaneità.
In questo senso, dobbiamo fare nostre le lotte contro lo sfruttamento sul lavoro, per liberare i giovani dal precariato, per azzerare la Buona scuola, per dare a tutti il diritto alle cure e alla casa. Far parte di queste battaglie. Non dobbiamo chiudere a nessuno – ribadisce -, se si condividono idee e obiettivi: i nuovi membri di questa formazione sono gli esclusi, le classi più compite dalla crisi, chi da quelle lotte proviene. Dobbiamo avversare, con maggiore forza, le disuguaglianze sociali e le discriminazioni di ogni tipo: pretendere, insomma, una nuova giustizia sociale. Il vero problema, in questo senso, sono quelle forze reazionarie che rappresentano l’elité fingendosi scudieri dei diritti del popolo; quelle forze, cioè, che hanno alterato e usurato il pacifico dibattito democratico rispondendo ai problemi con parole di odio e razzismo.

Si aggiunga l’essenzialità di una profonda.riflessione sulle fallimentari politiche che il PD ha adottato nel corso degli ultimi anni. Un fallimento globale che ci induce a proporre un nuovo pensiero strategico.Tramonta così l’idea che la “mano invisibile” del mercato possa magicamenterisolvere le questioni epocali che ci troviamo ad affrontare, asfaltando argomenti centrali quali l’ambiente, i diritti, il lavoro, il welfare.
È proprio con il desiderio di rimettere in discussione tali assetti che andrebbero ringraziate tutte quelle compagne e quei compagni che stanno dando disponibilità, offrendo il proprio nome per le candidature, a dare corpo al progetto: il professor Amerigo Ciervo, fine ricercatore della cultura sannita, l’ingegnere Angelo De Marco, l’assessore Alessandra Limata di Torrecuso e tutte le persone che seguono con attenzione gli sviluppi e che hanno umilmente dato la propria disponibilità ufficiosa”.

Ed eccolo il nodo candidature: Masone lo dice chiaro e tondo, i candidati che stanno dando in queste ore la loro disponibilità vanno sostenuti senza se e senza ma. Prova a spegnere il fuoco di fila partito contro Napoletano dal gruppo più oltranzista di LeU, Serafini, Catillo e De Nigris, che sul punto appaiono sempre più isolati – visto che sia Francesco Matarazzo (consigliere comunale di Vitulano) che Masone, due amministratori di Si,  hanno scelto di guardare in un’altra direzione – e non in grado di esprimere proprie candidature.

“Ma dobbiamo anche aprirci a tutte le esperienze amministrative – dice -che in questi anni, quasi sempre isolate e poco evidenziate, hanno rivitalizzato la vita istituzionale dei luoghi in cui venivano praticate. Non è possibile pensare che si possa cambiare l’andamento delle cose partendo da residuali posizioni di contrarietà tout court. Ecco perché credo, con molta sincerità, che Michele Napoletano, sindaco di Airola, uomo popolare e sempre nell’alveo del centro-sinistra, sebbene “moderato”come lui stesso si definisce, possa trovare la naturale cittadinanza in questo progetto in itinere.

Al di là della stima personale, c’è anche un forte apprezzamento politico: un protagonista del territorio sannita di notevole valore. Ora più che mai è necessario allontanarsi da certo potere e lui lo ha coraggiosamente fatto. Senza giri di parole, consapevoli che tutte le singole esperienze vanno confrontate e mitigate, se Napoletano, come pare, vorrà far parte di questa avventura sarà un valore aggiunto e non può che essere il ben accetto”.

A Napoletano viene contestata la sua provenienza dal Pd, obiezione considerata pretestuosa visto che per giunta i fondatori di Mdp-Art. 1 erano fino a qualche mese fa dirigenti e parlamentari del Partito democratico. Insomma, al sindaco di Airola Sinistra Italiana rimprovera di essere uno scissionista, come del resto lo sono Speranza, Laforgia, Bersani e D’Alema.

A chi chiede invece maggiore condivisione nelle scelte, altra obiezione posta dall’ala massimalista di LeU,Masone propone un comitato permanente.

“Risulta fondamentale – spiega -cambiare passo e metodo: come hanno giustamente riferito qualche settimana fa i coordinatori sanniti dei partiti fondatori, allargare il tavolo delle decisioni, uscire dalle stanze, coinvolgere democraticamente gli attivisti anche nelle decisioni delle candidature, magari attraverso un comitato che tenga laicamente insieme diversi soggetti, diverse anime anche esterne alle formazioni, che pure stanno dando un notevole contributo al ragionamento di questi giorni. Percorsi condivisi saranno percorsi più forti e stabili”.

 

 

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    Ok No thanks