L’Europa in guerra: sei grafici da conoscere nei mercati finanziari

Soldati e soccorritori ucraini si trovano accanto a un veicolo distrutto, nel luogo dei combattimenti con le forze russe, dopo che la Russia ha lanciato un’operazione militare su larga scala contro l’Ucraina, a Kiev, in Ucraina, il 26 febbraio 2022. REUTERS/Valentin Ogirenko

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

LONDRA (Reuters) – La Russia ha lanciato questa settimana un’invasione su vasta scala dell’Ucraina, innescando una serie di sanzioni e disordini nei mercati finanziari globali.

Ecco sei grafici che mostrano i drammatici movimenti della settimana nei mercati finanziari:

sferzata di energia

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I timori di una possibile interruzione dell’offerta ai mercati petroliferi a causa della guerra in Ucraina hanno portato i prezzi del greggio sopra i $ 100 al barile per la prima volta dal 2014, con il Brent che ha toccato $ 105. Giovedì i prezzi del gas nel Regno Unito e nei Paesi Bassi sono aumentati di circa il 40%-50%. I prezzi del greggio e del gas sono scesi venerdì e i mercati rimangono nervosi.

Mentre una serie di dure sanzioni imposte dalle capitali occidentali non hanno preso di mira specificamente i flussi di petrolio e gas della Russia, i principali acquirenti di petrolio russo stanno lottando per assicurarsi garanzie nelle banche occidentali o trovare navi per portare il greggio fuori dal paese. Per saperne di più

La Russia è il secondo produttore mondiale di petrolio greggio e fornisce circa il 35% della fornitura di gas naturale in Europa e il 50% della fornitura di gas naturale in Germania.

I prezzi del petrolio e del gas sono aumentati

Paure di inflazione

L’aumento dei prezzi dell’energia ha innescato una corsa alle obbligazioni indicizzate all’inflazione, titoli i cui pagamenti stanno aumentando in linea con l’inflazione.

READ  Futures Dow: il rally del mercato cancella la perdita sulle notizie della Fed; forti guadagni nvidia; DoorDash che vola

Ciò ha causato un forte calo dei rendimenti reali – oneri finanziari dopo l’adeguamento all’inflazione -, mentre i cosiddetti breakevens, che indicano dove i mercati vedono l’inflazione in futuro, sono aumentati drasticamente.

In sostanza, si riferisce alla convinzione che le banche centrali potrebbero dover muoversi più lentamente di quanto previsto in precedenza poiché i tassi di interesse aumentano per combattere l’inflazione poiché anche la crescita economica sta subendo un duro colpo.

I rendimenti dei Treasury Inflation Protected (TIPS) sensibili al tasso di interesse sono scesi mentre i tassi di interesse sono saliti al 3% la scorsa settimana. In Germania, esposta all’aumento dei prezzi del gas in Europa, i rendimenti reali a due anni sono diminuiti di circa 30 punti base e i tassi di interesse sono saliti al 3,7% I fondi TIPS hanno ricevuto afflussi netti per la prima volta in cinque settimane, secondo i dati della Bank of America.

pareggi

Mercati azionari: attenzione all’orso

La caduta del mercato di giovedì ha spazzato via quasi $ 1 trilione dal valore del mercato azionario globale e ha accelerato il calo dei principali indici che si è verificato quest’anno poiché gli investitori iniziano a preoccuparsi dei forti aumenti dei tassi di interesse da parte della banca centrale.

La borsa americana high-tech Nasdaq (diciannovesimo) Sta flirtando con il territorio del mercato “orso”, dove è noto che è in calo del 20% rispetto al recente picco, ma i mercati statunitensi hanno chiuso in rialzo nonostante tutti i danni altrove e venerdì stavano guadagnando più terreno.

Europa in calo del 3,3% per lo STOXX 600 (.stoxx) Ha preso la sua ultima inversione di oltre il 10%, ma poi è rimbalzato altrettanto venerdì.

READ  La maggior parte del debito medico verrà cancellata dai rapporti di credito al consumo

Indice MSCI Mercati Emergenti per 24 Paesi (MSCIEF) Nel frattempo, il mercato “ribassista” ha segnato un rialzo poiché il calo del 4,3% di giovedì lo ha fatto scendere di poco più del 20% dal minimo storico di quasi un anno fa.

Indicazioni

strada russa

Giovedì si prevedeva che il mercato azionario russo sarebbe stato colpito duramente. Il MOEX della Borsa di Mosca è sceso del 33% (.IMOEX) Dopo aver perso più di 1.000 pip in una fase mentre i trader si preparano a severe sanzioni. L’indice russo MSCI è crollato del 38%. Gli analisti stimano che sia stato uno dei tre più grandi crolli del mercato azionario mai visti.

Il mercato azionario russo è peggiorato molto più che durante altre crisi

Scarico dell’Ucraina

L’Ucraina è stata colpita con la stessa quantità di colpi. La sua valuta e i titoli di stato sono crollati violentemente, poiché gli investitori si sono chiesti se il paese sarebbe stato in grado di evitare un altro default sovrano.

Il prezzo della guerra

Grano e cereali dolci

I prezzi del grano hanno raggiunto i livelli più alti dalla metà del 2008 quando i mercati hanno cercato di valutare le conseguenze sulle forniture di grano e semi oleosi dal conflitto tra Russia e Ucraina, due dei maggiori esportatori mondiali. Per saperne di più

Le interruzioni dell’approvvigionamento dalla regione del Mar Nero eserciteranno pressioni sui prezzi e aumenteranno l’inflazione dei prezzi alimentari in un momento in cui l’accessibilità economica è una delle principali preoccupazioni in tutto il mondo dopo il danno economico causato dalla pandemia di COVID-19.

Giovedì l’esercito ucraino ha sospeso le spedizioni commerciali nei suoi porti dopo che le forze russe hanno invaso il paese. La Russia in precedenza aveva ordinato la chiusura del Mar d’Azov al traffico di navi commerciali fino a nuovo avviso, ma ha mantenuto aperti alla navigazione i porti russi nel Mar Nero. Per saperne di più

READ  Buffett si rammarica della mancanza di investimenti di qualità anche se la Berkshire Records guadagna
La crisi in Ucraina ha causato un aumento dei prezzi del grano
Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Karen Stroecker, Sujata Rao, Mark Jones e Sayakat Chatterjee; Montaggio di Hugh Lawson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.