L’ultima guerra in Ucraina: Boeing sospende le principali operazioni russe e il supporto alle compagnie aeree russe

Il petrolio è salito oltre la soglia dei 100 dollari e le azioni asiatiche sono state vendute mercoledì dopo che la Russia ha intensificato i suoi attacchi alla città più grande dell’Ucraina e ha adottato tattiche più aggressive.

Il greggio Brent, il benchmark internazionale, è salito del 4,4% a un massimo di sette anni di 109,59 dollari al barile all’inizio del commercio asiatico, mentre il greggio US West Texas Intermediate è salito del 4,7% a 108,29 dollari.

I recenti guadagni del petrolio, che hanno fatto aumentare il Brent di circa il 16% da quando il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione, sono arrivati ​​​​quando la Russia ha intensificato i bombardamenti sulla più grande città dell’Ucraina.

Le sanzioni imposte dai paesi occidentali alla Russia hanno cercato di evitare il settore energetico, ma hanno comunque portato alla volatilità dei mercati globali a causa dei timori di interruzioni dell’approvvigionamento. Ma il gruppo energetico statunitense ExxonMobil ha dichiarato martedì che avrebbe abbandonato le operazioni petrolifere e del gas russe nell’ultima uscita aziendale in risposta all’invasione.

Joe Biden ha anche subito crescenti pressioni per vietare le importazioni di petrolio dalla Russia, con repubblicani e democratici che chiedono al presidente degli Stati Uniti di tagliare i legami energetici con il Cremlino. Nel suo discorso sullo stato dell’Unione di martedì, Biden ha espresso sostegno a misure punitive contro la Russia, ma ha sottolineato che il controllo dei prezzi era la sua “priorità assoluta”.

“È probabile che il conflitto tra Russia e Ucraina continuerà a dominare i mercati nel prossimo futuro”, ha affermato Robert Carnell, capo della ricerca Asia Pacifico presso ING. “L’annuncio di ieri che la Russia non pagherà cedole ai detentori del suo debito pubblico agli stranieri dovrebbe spingere gli investitori ulteriormente verso i rifugi sicuri”.

READ  I futures Dow estendono le perdite: cosa fare dopo il crollo del mercato azionario di oggi

Nei mercati asiatici, le azioni sono state vendute, guidate da un calo dell’1,7% dell’indice Topix giapponese. L’indice cinese CSI 300 delle azioni quotate a Shanghai e Shenzhen è sceso dell’1%, mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,6%.

I ribassi hanno seguito i forti cali di Wall Street, con l’S&P 500 e il Nasdaq composito incentrato sulla tecnologia entrambi in calo dell’1,6%. I futures hanno guidato l’indice S&P 500 in rialzo dello 0,1% mercoledì, mentre l’Euro Stoxx 50 era destinato a scendere dello 0,1% dopo aver chiuso la sessione di martedì in calo del 2,4%.

I rendimenti dei Treasury USA si sono stabilizzati sui mercati dei titoli di Stato dopo il rally di martedì, poiché gli investitori hanno cercato rifugi sicuri per mitigare il calo dei prezzi delle azioni. Il rendimento del Tesoro USA a 10 anni è salito di 0,03 punti percentuali a 1,7565 dopo essere sceso di 0,1 punti percentuali durante la sessione precedente.

Nelle valute, il rublo si è stabilizzato a circa 108 contro il dollaro dopo un grave crollo di questa settimana che lo ha abbassato di circa il 30% dall’inizio dell’invasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *