Maltempo, Valentino Soreca : “Caditoie ostruite, assurdo scaricare responsabilità su cittadini”

“La Ge.Se.Sa, se non mente, se non sminuisce, se non devia le problematiche trova sempre e comunque la “formula” per raccontarla a modo suo”, così Valentino Soreca, coordinatore del movimento Radici. 
“Prendiamo ad esempio – aggiunge Soreca – il caso del cittadino che ha segnalato il problema delle caditoie ostruite (con tanto di foto di mancata manutenzione e crescita di erba all’interno) non idonee a raccogliere l’acqua piovana con le possibili conseguenze di disagi se non allagamenti
La Ge.Se.Sa. (pur prendendo visione fotografica della mancata manutenzione) risponde tentando di giustificarsi dando la colpa a non meglio chiariti comportamenti incivili da parte della cittadinanza (è sempre colpa nostra) dichiarando che l’unica cosa che si evidenza è (addirittura) un “atto vandalico” l’erba cresciuta che ne ostruisce le aperture ed assolve addirittura gli eventi meteorici (vento e piogge che trasportano fogliame e carte)
Fa un elenco di “cattivi comportamenti” (alcuni forse anche menzionabili) ma nessun riferimento al mancato spazzamento da parte dell’Asia (le carte, le foglie secche non spazzate, unitamente al terriccio formano veri e propri “coperchi ermetici”)
Nessuna parola (appunto) ad occasionali mancate raccolte del fogliame dovuto anche al tardivo taglio dell’erba o alle potature effettuate in tempi anarchici)
Se ne guarda bene anche dal dire quando e se è stata effettuata l’ultima pulitura (manutenzione) dei manufatti, quali caditoie, griglie, bocche di lupo e sollevamenti di acque di prima pioggia
Però nello “addolcito” comunicato stampa una cosa (involontariamente) comunica a chi non lo sapeva: per questa “manutenzione fantasma” la Ge.Se.Sa con il Comune di Benevento ha un contratto a parte (triennale).
Questo significa che oltre ai soldini di tariffe inspiegabili percepisce dal Comune altro danaro (sempre dei cittadini) che al momento non ci è dato sapere
Sul fatto c’è anche da segnalare che nessuna parola viene spesa dall’assessore al ramo che avrebbe potuto anticiparsi se per caso il contratto con Ge.Se.Sa in scadenza è già stato affidato o sarà da affidare (gli scommettitori incalliti puntano su un affidamento oltre provincia)
Così come non si è compreso se la Ge.Se.Sa. (come da contratto e corrispettivo economico da percepire) ha in animo di “spilare” e fare manutenzione ordinaria o no (entro la naturale scadenza del contratto)
Campa cavallo che l’erba cresce anche nelle caditoie mentre i Consiglieri Comunali di maggioranza e non solo (distratti da ogni disagio cittadino) attendono le decisioni di Mastella per sapere dove andare a svernare (un Mastella che al momento sembra indirizzare le sue attenzioni sulle defecazioni canine).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.