Massimo Zanichelli a Palazzo Paolo V con le sue Effervescenze

Scrittore, degustatore e documentarista, Massimo Zanichelli giunge nella città sannita per parlare degli insoliti rifermentati.

Un incontro svoltosi presso il Palazzo Paolo V, organizzato da Alessandro Marra, enoappassionato e ideatore del blog “Stralci di vite”, con la partecipazione del carismatico Antonio Medici, “uno che beve tanto nel senso che beve tante cose”.
Massimo Zanichelli ha presentato il suo libro:”effervescenze, storie e interpreti di vini vivi” e alla discussione hanno preso parte Antonio Follo, onorevole voce dell’AIS di Benevento, e Raffaello Annicchiarico, produttore di vini naturali in Castelvenere presso Podere Veneri Vecchio.
Un’occasione di incontro e confronto per quanti, affascinati o incuriositi da una categoria di vini insolita, intendevano approfondire il tema del metodo ancestrale anche attraverso la degustazione di differenti versioni provenienti da svariati distretti italiani. Il metodo rurale applicato ai vini casalinghi, quelli che frizzano in bocca per effetto della rifermentazione in bottiglia che trasforma gli zuccheri non svolti in alcol e anidride carbonica. Parliamo di vini su cui la critica è divisa, quelli che o ami o odi. I vini che a volte tutto sono fuorché brillanti, quelli col fondo o “sur lie”, che al naso possono lasciare qualche dubbio. Sono i vini “dei nonni “, che ci rimandano alle cantine di un tempo, dove giravamo con gli occhi dei bambini curiosi che si perdono tra gli odori del mosto in fermentazione.
Sette le tipologie in degustazione, provenienti dal Veneto, dove nel Conegliano Valdobbiadene si produce una versione rifermentata di prosecco da uve glera, passando per l’Oltrepo pavese con l’uvaggio di croatina e barbera fino ad arrivare in Emilia con il lambrusco di Sorbara nella versione rosata non senza tralasciare il bianco Ortrugo e il rosso Gutturnio dei Colli Piacentini. Infine, i vini naturali di Castelvenere del Sannio.
Il tutto accompagnato dal caciocavallo sannita e dai croccanti e saporiti “mscuott “, i taralli di Bacione in San Lorenzello.
Interessante l’iniziativa sviluppata dagli organizzatori che ha dato modo di proseguire nelle degustazioni dei rifermentati in alcuni locali di Benevento grazie all’acquisto di un ticket che ha permesso ai convenuti di usufruire della mescita di alcune etichette.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.