Mastella corre ai ripari contro i furbetti del cartellino e avverte i dirigenti

Questa volta Mastella avrà pensato di prevenire. Dopo i casi a cui ha dovuto far fronte in questi mesi, con furbetti che spuntavano come funghi tra dirigenti ‘collabenti’ e consiglieri ed assessori morosi o presunti tali, avrà pensato di mettere nero su bianco prima che esploda un’altra grana.

Del resto, che Mastella non voglia troppi grattacapi è comprensibile. A marzo potrebbe arrivare la sentenza del processo Udeur. In caso di condanna Mastella incapperebbe nella tagliola della legge Severino che determinerebbe la sospensione dalla carica di sindaco. Lo scandalo morosi ha già prodotto scossoni a Palazzo Mosti, scavando un solco tra Giunta e Consiglio comunale e intaccando equilibri anche nella maggioranza.

Così il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, considerando i recenti fatti che hanno visto alcuni dipendenti di Enti Pubblici perseguiti penalmente per essersi allontanati arbitrariamente dal luogo di lavoro, ha inviato, questa mattina, una lettera al segretario generale, al capo di gabinetto e a tutti i dirigenti comunali per richiamare la loro attenzione sul fatto che “il dipendente è tenuto all’osservanza dei doveri di ufficio anche con riferimento all’orario di lavoro e che in tale contesto è tenuto ad adempiere correttamente agli obblighi previsti per la rilevazione delle presenze e ad utilizzare i permessi di astensione dal lavoro nel rispetto delle condizioni previste dalla legge”.

Nella nota il sindaco Mastella ha anche ricordato che i dirigenti “sono tenuti a vigilare sull’osservanza dei predetti obblighi da parte del personale dipendente segnatamente controllando che l’uso dei permessi avvenga effettivamente per le ragioni e nei limiti previsti dalla legge e vigilando sulla corretta timbratura della presenza in modo da segnalare tempestivamente eventuali abusi”.

Il sindaco ha, infine, richiamato l’attenzione dei destinatari della lettera sulle responsabilità derivanti dal mancato esercizio dei suddetti controlli e della suddetta vigilanza.

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.