Mastella, prove d’intesa con De Luca. E il voto sembra allontanarsi

L’occasione ufficiale è la sottoscrizione, in Regione Campania, degli interventi  Pics, il piano di rigenerazione urbana per la città di Benevento finanziato con fondi europei, ma, in realtà, l’incontro con il Governatore Vincenzo De Luca potrebbe essere servito a suggellare l’intesa per le Regionali. Tanto che i toni dei due interlocutori, a margine della conferenza stampa a Palazzo Santa Lucia, sono stati entusiastici: Mastella incassa la pacca sulla spalla di De Luca e il Presidente della Regione, dal canto suo, intasca il sostegno dell’ex Ministro di Grazia e Giustizia alle prossime regionali. Per non parlare della visibilità mediatica che il Governatore ha voluto dare alla firma congiunta. Per molti, un segnale eloquente di un’intesa in itinere.

Resta il convitato di pietra di questo incontro: il PD, da una parte, frastornato per i colpi di coda del sindaco dimissionario di Benevento e, dall’altro forse, rinfrancato dall’allontanamento del voto a Benevento.

Mastella ha fatto intendere che ci sono margini per un ripensamento e che, quindi, potrebbe anche restare in  sella, prima, però – ha dichiarato – dovrà passare ad intascare la fiducia della Madonna delle Grazie.

De Luca avrà, forse, posto un’unica condizione per un accordo e cioè che al Comune di Benevento non si voti contestualmente alle Regionali,

A Mastella auguro continuità amministrativa “, ha detto questa mattina De Luca, ma del resto lo aveva già auspicato durante un incontro all’ospedale San Pio.

Intanto, pare che Mastella possa adesso contare su un Patto scritto di lealtà da parte di consiglieri comunali già appartenenti alla sua maggioranza e quelli contorsionisti che, con le loro bizze, avevano portato Mastella prima a minacciare le dimissioni, poi a minacciare il voto.

Secondo fonti giornalistiche, sarebbe pronto un documento sottoscritto non solo da consiglieri di maggioranza, ma, secondo la ricostruzione di Gazzetta di Benevento, anche da “insospettabili”

Stando al tam tam delle indiscrezioni, i consiglieri Paglia, Russo e Feleppa, ora, capitanati da Claudio Mosè Principe, sarebbero pronti a sottoscrivere quel patto di maggioranza.

Secondo alcuni, anche un pezzo di Pd, quello più vicino al capogruppo Francesco De Pierro, potrebbe fare da terza gamba a Mastella  fino alla fine del mandato. Del resto, in ballo ci sono posti in Giunta. Nell’Esecutivo, dopo le dimissioni di Luigi De Nigris e Anna Orlando, si sono liberati due posti. Un’altra mossa di Mastella per lanciare l’esca ai suoi polli.

I consiglieri i consiglieri cosiddetti Pattisti Vincenzo Sguera e Luigi Scarinzi, invece.si dicono pronti a un sostegno esterno – votando di volta in volta provvedimenti condivisibili – ma non ad un Patto di Lealtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.