Mastella querela Altrabenevento. Sandrucci: “Sì occupi del focolaio al San Pio”

“Clemente Mastella ha annunciato, per il tramite del suo avvocato, un’altra querela ad Altrabenevento che è intervenuta varie volte per chiedere informazioni precise sui sanitari dell’Ospedale San Pio contagiati da covid19 dopo il ricovero di due pazienti di Ariano Irpino”, lo rende noto Sandra Sandrucci per Altrabenevento. .
Che aggiunge: “Così scrive il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera nella sua relazione dell’11 marzo (finora a noi sconosciuta): “In data 4/3/2020 sono transitati presso il Pronto Soccorso dell’A.O. San Pio di Benevento due pazienti, che non essendo stati riconosciuti come casi sospetti Covid19, sono stati ricoverati in reparti differenti rispetto a quelli individuati all’uopo; in data 7/03/2020 gli stessi, sottoposti a tampone faringeo per ricerca di SARS Cov2 a causa della comparsa di dispnea, sono risultati positivi al test”.
Dopo la brutta scoperta, sono stati effettuati 126 tamponi per i medici, gli infermieri e gli ammalati per accertare il livello di contagio nell’Ospedale di Benevento, ma nessuno chiarisce se sono stati chiusi temporaneamente per sanificazione i reparti interessati e perché non sono stati posti in quarantena i sanitari, come accaduto ad Ariano per un caso analogo. I vertici della sanità locale non chiariscono perché tardano ad arrivare i risultati dei tamponi.
Sta di fatto che due medici e due infermieri in servizio al San Pio e un operatore della centrale 118, sono risultati positivi al coronavirus. Si tratta di cinque casi sul totale di 11 accertati nel Sannio.
Abbiamo chiesto di sapere, e riteniamo che sia un diritto di tutti i cittadini, cosa è stato fatto per individuare i possibili contagiati dai sanitari rimasti in servizio fino all’insorgere dei sintomi della malattia. Nessun chiarimento è arrivato dai vertici dell’ospedale San Pio e della ASL nonostante analoghe richieste di chiarimenti avanzate dal segretario di Fratelli d’Italia, dal presidente del Consiglio Comunale e da alcuni giornalisti.
L’avvocato di Mastella precisa che in genere le querele non si annunciano, si presentano aspettando l’esito (in verità finora i numerosi annunci di querela di Mastella contro Altrabenevento non hanno avuto alcun effetto), ma questa volta la notizia data alla stampa viene giustificata con l’obiettivo di evitare la diffusione di allarme immotivato. Non dice però il legale del sindaco, quali sarebbero le notizie da noi diffuse non rispondenti al vero.
Quindi l’obiettivo, neppure tanto nascosto, è solo quello di impedire al Altrabenevento e ai pochi giornalisti alla ricerca della verità, di fare domande.
Vogliamo infine, ricordare che qualche giorno fa all’ospedale di Castellaneta (Taranto) sono stati accertati sette casi di medici ed infermieri positivi al covid19. Il sindaco, ripetiamo il SINDACO, di quel Comune, senza entrare nel merito delle possibili cause, ha segnalato il fatto al presidente della Regione Puglia e alla Procura della Repubblica ritenendo che se si ammalano contemporaneamente i sanitari dell’ospedale, vuol dire che non è stato rispettato il protocollo che stabilisce cosa fare nel casi di ricovero di pazienti infettati da coronavirus. Il presidente della Puglia, Emiliano, ha disposto un’indagine amministrativa e disciplinare.
A Benevento, invece, il sindaco annuncia querela ad Altrabenevento perché ha chiesto, come pochi altri, di sapere cosa stanno facendo le autorità sanitarie per contenere il focolaio di contagio di Ariano Irpino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    Ok No thanks