Mazzetta a prefetto, arresti domiciliare per Galeone

Disposti gli arresti domiciliari per il prefetto di Cosenza che era in aspettativa, Paola Galeone, indagata dopo essere stata “registrata mentre intascava una mazzetta da 700 euro”. La Squadra mobile ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare su ordine del gip dopo la richiesta della Procura. Deve rispondere dell’accusa di induzione a dare utilità.

Il 31 dicembre sulla Gazzetta del Sud era comparsa la notizia delle indagini a suo carico con l’accusa di aver ricevuto la somma di denaro da un’imprenditrice che, però, ha denunciato tutto alla polizia. A incastrare la prefetta, secondo l’accusa, c’è una registrazione relativa proprio al passaggio di denaro. La consegna della busta contenente il denaro (in realtà falso) è avvenuta in un bar di Cosenza. Secondo quanto ricostruito Galeone avrebbe proposto all’imprenditrice di emettere una fattura fittizia di 1.220 euro con l’obiettivo di fare la cresta sulle spese di rappresentanza dei prefetti.

Galeone è stata prefetto di Benevento dal 2014 al 2018,quando fu all’improvviso trasferita in seguito al deflagrare dell’inchiesta sui migranti che coinvolse un pezzo di prefettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.