McDonald’s chiude temporaneamente i ristoranti russi

Il controllore dello Stato di New York Thomas Dinapoli ha invitato McDonald’s, PepsiCo e altre società.

Prima degli annunci di McDonald’s e PepsiCo, DiNapoli ha inviato un’e-mail a diverse società rappresentate nel Fondo pensionistico pubblico dello Stato di New York esortandole a smettere di fare affari con la Russia.

“Aziende come McDonald’s e PepsiCo, che hanno una lunga esperienza in Russia, devono considerare se fare affari in Russia vale il rischio in questo momento di straordinaria volatilità”, ha affermato DiNaPoli in una nota.

Martedì ha parlato McDonald, seguito da altri importanti venditori di cibo.

McDonald’s

McDonald's ha detto martedì che chiuderà le sue basi russe.

“McDonald’s ha deciso di chiudere temporaneamente tutti i nostri ristoranti in Russia e sospendere tutte le operazioni sul mercato”, ha dichiarato il CEO Chris Kempczynski in una nota.

Secondo il documento per gli investitori, McDonald’s aveva 847 seggi in Russia alla fine dello scorso anno.

In tutto il mondo, la maggior parte McDonald’s (MCD) I posti sono gestiti da operatori proprietari. Ma non così in Russia, dove l’84% dei seggi è gestito dall’azienda, afferma il documento. I ristoranti in Russia, così come altri 108 ristoranti in Ucraina, sono tutti gestiti da McDonald’s, che, secondo il documento, rappresenterà il 9% delle entrate dell’azienda nel 2021.

“In Russia, diamo lavoro a 62.000 persone per servire le loro comunità con il nostro marchio McDonald’s. . “E ci affidiamo a McDonald’s per servire milioni di clienti russi ogni giorno. Durante gli oltre trent’anni di attività di McDonald’s in Russia, siamo diventati parte integrante delle 850 comunità in cui operiamo”.

Ma ha aggiunto: “Allo stesso tempo, non possiamo ignorare l’inutile sofferenza umana in Ucraina”.

READ  40 La migliore tostiera elettrica del 2022 - Non acquistare una tostiera elettrica finché non leggi QUESTO!

Starbucks

In un messaggio inviato ai dipendenti martedì, il CEO di Starbucks Kevin Johnson ha dichiarato: “Oggi abbiamo deciso di sospendere tutte le operazioni commerciali in Russia”.

“Il nostro partner autorizzato ha accettato di sospendere immediatamente le operazioni del negozio e supporterà quasi 2.000 persone. [employees] In Russia, dipendono da Starbucks per il loro sostentamento”.

Johnson ha affermato che Starbucks smetterà di esportare tutti i prodotti Starbucks in Russia. “Condanniamo il brutale attacco all’Ucraina da parte della Russia e il nostro cuore va a tutte le vittime”, ha detto.

Coca Cola

Martedì la Coca-Cola ha dichiarato che stava “sospendendo le sue attività in Russia”.

“I nostri cuori sono con le persone che stanno subendo le conseguenze inconcepibili di questi tragici eventi in Ucraina”, ha affermato l’agenzia, aggiungendo che monitorerà la situazione mentre le cose cambiano.

PepsiCo, Donon e Unilever

Martedì, il CEO di PepsiCo Ramon Laguarda ha spiegato come PepsiCo affronta la situazione.

“In vista degli orribili eventi che si svolgono in Ucraina, annunciamo la sospensione delle vendite dei nostri marchi globali di bevande, tra cui Pepsi-Cola e 7Up e Mrinda in Russia”. Lucarda ha aggiunto che la Pepsi stava sospendendo gli investimenti di capitale, la pubblicità e le attività pubblicitarie in Russia.

Ma PepsiCo continuerà a vendere alcuni dei suoi prodotti, tra cui latte artificiale, pappe, latte e altre opzioni casearie.

“Abbiamo la responsabilità di continuare a fornire i nostri altri prodotti in Russia, compresi gli elementi essenziali quotidiani”, ha affermato LaGuardia. “Continuando a operare, continueremo a sostenere i mezzi di sussistenza dei nostri 20.000 alleati russi e 40.000 lavoratori agricoli russi nella nostra catena di approvvigionamento, che devono affrontare sfide e incertezze significative”, ha aggiunto.

READ  40 La migliore zaino universita del 2022 - Non acquistare una zaino universita finché non leggi QUESTO!

Farrell Bertmann, dietista registrato e docente senior presso il Dipartimento di nutrizione e scienze alimentari dell’Università del Vermont, ha avvertito che se le grandi aziende alimentari lasciassero del tutto la Russia, i cittadini potrebbero subire danni anche se avessero altre fonti di cibo.

“Sento fortemente che alle persone dovrebbe essere data l’opportunità di acquistare diversi tipi di cibo a prezzi diversi”, ha affermato. “Può essere fatto con successo solo se c’è l’accesso.”

“Alla fine, il cibo dovrebbe essere disponibile”, ha detto, aggiungendo: “Sarei molto preoccupato se ci fosse un ambiente alimentare. [were] Per cambiare radicalmente”.

Altre società hanno adottato un approccio simile alla Pepsi.

Danon (Danoy)Produce sostituti del latte di seta, Activia, Oykos Yogurt, Baby Formula e molti altri. Post di LinkedIn Domenica, ha detto, “abbiamo deciso di sospendere tutti i progetti di investimento in Russia, che “manterranno la produzione e la distribuzione di latticini freschi e nutrizione per bambini, al fine di soddisfare ulteriormente i bisogni alimentari essenziali della popolazione locale”.
Unilever (UL) Una dichiarazione simile è stata rilasciata questa settimana, in cui si afferma: “Continueremo a fornire i nostri prodotti alimentari e sanitari quotidiani essenziali realizzati in Russia alla popolazione del paese e” lo terremo sotto stretto controllo.

La società ha dichiarato di aver smesso di importare i suoi prodotti in Russia e di smettere di esportare da lì e di interrompere tutti gli investimenti nel paese. Ha detto che la sua presenza in Russia non sarebbe stata redditizia.

Biden annuncia il divieto alle importazioni di energia russe

Yum e i suoi operatori proprietari

Alcune catene di ristoranti devono collaborare con i proprietari per prendere decisioni importanti come le operazioni di chiusura.

Marchi buonissimi (YUM)È dotato di KFC, Pizza Hut, Taco Bell e Habit Grill, Disse Una dichiarazione afferma: “KFC sta sospendendo le attività dei propri ristoranti in Russia e conclude un accordo con il suo proprietario principale per sospendere tutte le attività dei ristoranti Pizza Hut in Russia”.

“La mossa prende la nostra decisione di sospendere tutti gli investimenti e lo sviluppo di ristoranti in Russia e di dirottare tutti i profitti operanti in Russia verso sforzi umanitari”, ha aggiunto la società.

READ  40 La migliore lettini piscina del 2022 - Non acquistare una lettini piscina finché non leggi QUESTO!

Yum ha circa 1.000 ristoranti KFC e 50 sedi di Pizza Hut in Russia. La maggior parte di questi sono gestiti da proprietari indipendenti, ha affermato la società.

– Robert North della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.