McDonald’s, Moretti: “Posto da squattrinati”. Picucci: “Giudizi offensivi. Si vergogni”

Partiamo dall’antefatto: Angelo Moretti, leader del Consorzio Sale della Terra e ora di Civico22 (il movimento civico pronto a scendere in politica), il 5 gennaio scrive, su Facebook, un lungo post sul McDonald’s in cui, tra le altre cose, ha indicato il fastfood più famoso al mondo di essere un luogo per ‘squattrinati’.

Il Mc di Time Square a New York come in quello a Piazza di Spagna a Roma – scriveva Moretti – quei colori non brillano più tanto, la fabbrica di panini è uno spazio per turisti squattrinati, per adolescenti non romani, per famiglie di provincia che vedono in quel panino la possibilità di assaporare l’area della vita metropolitana, quei tavolini aperti dalla mattina a mezzanotte sono una accoglienza riscaldata per gli homeless che con pochi spiccioli acquistano un panino”.

Un passaggio che diventa per l’assessore al Commercio, Oberdan Picucci, un’offesa a tutti i clienti del McDonald’s.

In un momento in cui si dibatte sul McDonald’sha scritto su Facebook Picucci –  ognuno può avere il proprio gusto sul prodotto offerto dalla multinazionale, è assolutamente legittimo, ci mancherebbe. Ma mi sono imbattuto in un post di Angelo Moretti che lo definisce uno spazio per persone squattrinate, per senzatetto che con pochi spiccioli acquistano un panino, per famiglie di provincia che vedono in quel panino la possibilità di assaporare l’aria della vita metropolitana, per persone sole che vivono nei fastfood un pezzo di giornata a basso costo. Sinceramente ritengo che chi da sempre si professa paladino delle fasce deboli, debba vergognarsi di offendere migliaia di concittadini che ne sono clienti. Vergogna!!!!”

 

ECCO IL POST INCRIMINATO: 

Mia figlia, 10 anni, quest’anno mi ha fatto la fatidica domanda che ogni genitore si aspetta come segno inequivocabile…

Pubblicato da Angelo Moretti su Domenica 5 gennaio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.