Meloni (FDI): “Mastella? Figuriamoci, mai sostenuto”. E Paolucci: “Pronto a candidarmi a sindaco di Benevento”

De Luca?Le sue dirette fanno ridere anche me  e allora lasciamogli più tempo per stare sui social e facciamo governare Caldoro“.

Giorgia Meloni, leader nazionale di Fratelli d’Italia, è una con la battuta pronta, capace di arringare per ore. Un fiume in piena. A Benevento parla poco meno di un’ora, ma basta e avanza per sferzare tutti.

Azzolina? “Merita un non classificato“.

Mastella? “Noi siamo contro il trasformismo. Siamo abituati a stare sempre dalla stessa parte, noi siamo quelli che hanno una sola parola e la mantengono. Di noi gli elettori possono fidarsi”.

Con lei ci sono il parlamentare  Edmondo Cirielli che l’ha accompagnata nel suo tour campano, Federico Paolucci, segretario provinciale di FDI, e i due candidati alle Regionali, Francesca Pedicini e Domenico Matera che chiedono alla Meloni di aiutarli a dare un calcio “a una politica che in questi anni ha solo mortificato del Sannio, fino a dimenticarsene“.

I selfie con la Giorgia nazional-popolare si sprecano, la gente venuta ad ascoltarla (nel numero consentito in tempi di Covid) le grida “brava-brava” ad ogni battuta. Lei non li delude e lancia bordate.

Meloni accusa De Luca di essereun pessimo presidente“, per lei è uno che “fa ridere e se poi voti uno che da ridere hai una politica che fa ridere”.

Sulla gestione dell’emergenza Covid on Campania il suo giudizio è tranchant: “C’è stato solo spreco di risorse, basti pensare che qui ogni malato di Covid è costato 76mila euro, in Lombardia e in Veneto, per intenderci, la quota si aggira tra i 5 e i 10 mila euro”.

Per lei le Regionali sono un referendum sul Governo nazionale: “Dobbiamo mandarli a casa, questa può essere l’occasione per bocciare le loro politiche. Questi sono quelli che anziché pensare ai più fragili hanno pensato ai bonus per i monopattini, sono quelli che mentre il Covid torna a fare vittime pensare a una legge elettorale che gli possa consentire di restare al governo”. 

Quando le chiediamo come si comportebbe  Fratelli d’Italia se  Mastella dopo le Regionali tornasse nel centrodestra liquida il tutto con un  “Figuriamoci, noi Mastella non lo abbiamo sostenuto neppure prima“.

Su un’eventuale candidatura a sindaco di Benevento di un esponente di Fratelli d’Italia, Meloni era stata pochi minuti prima  diplomatica: “Non facciamo politica partendo dalle poltrone – aveva risposto al giornalista -, il candidato sindaco si sceglie nella coalizione tenendo conto dei segnali che arrivano dall’elettorato. Sicuramente Fratelli d’Italia ha una classe dirigente di qualità all’altezza della sfida”.

Tirato in ballo dai giornalisti, Federico Paolucci dice la sua con sincerità: “Confermo la disponibilità per cercare di dare finalmente un progetto di futuro a questa città che ormai da troppi anni ristagna nell’immobilismo e nel trasformismo politico. Ovviamente – spiega – la mia è una proposta che serve a stimolare la costruzione di un’alternativa e di una coalizione credibile, evitando che altri possano approfittare delle indecisioni altrui. Quindi la mia non è solo una provocazione, ma una proposta convinta”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    Ok No thanks