Mentre l’Ucraina si precipita oltre 100.000, la Germania annuncia un massiccio aumento della spesa per la difesa che potrebbe capovolgere la politica di sicurezza europea

Queste mosse rappresentano una svolta sismica per un Paese sensibile al coinvolgimento nel conflitto internazionale dalla fine della seconda guerra mondiale. È arrivato in mezzo a una serie di altre mosse decisive dell’UE, in un giorno in cui 100.000 persone si sono presentate a Berlino per protestare contro l’invasione.

I leader europei nel fine settimana hanno adottato restrizioni ad ampio raggio sulle banche russe che alcuni stati membri avevano precedentemente rifiutato, chiuso i cieli dell’UE agli aerei russi, vietato alcuni media russi e annunciato che avrebbero finanziato l’acquisto e la consegna di armi a Kiev.

I manifestanti di tutto il mondo sono scesi in piazza il 25 e 27 febbraio, il primo fine settimana da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. (Reuters)

ha affermato Ian Kearns, co-fondatore ed ex CEO del Leadership Network dell’Unione Europea, da tempo attivo negli sforzi per stabilire canali diplomatici tra l’Occidente e la Russia.

Ma i cambiamenti tettonici potrebbero arrivare troppo tardi per l’Ucraina. “Quello che è successo negli ultimi giorni è stato un serio campanello d’allarme per l’Europa, un serio campanello d’allarme per l’alleanza NATO e, con grande rammarico dell’Ucraina, un campanello d’allarme così tardi nel corso della giornata”, ha detto Richard Dannatt, un generale in pensione ed ex comandante dell’esercito britannico. Vladimir Putin stava per farlo”.

Ma la Germania non avrebbe inviato truppe in Ucraina, né lo avrebbe fatto nessun altro stato membro della NATO, che era preoccupato di essere coinvolto in uno scontro diretto con la Russia armata di armi nucleari.

La posizione della NATO sull’Ucraina è sempre stata, in sostanza, che l’adesione ha i suoi vantaggi: mentre l’alleanza potrebbe essere disposta a fornire supporto – sia letale che non letale – non sarà direttamente coinvolta nell’invio di truppe per difendere l’Ucraina da qualsiasi attacco esterno , come con qualsiasi membro della NATO.

L’invasione russa non ha cambiato quei calcoli, frustrando gli ucraini che da anni cercavano l’adesione alla NATO, incluso il presidente Volodymyr Zelensky.

“Siamo abbandonati a noi stessi. Chi è pronto a entrare in guerra per noi? Francamente, non vedo nessuno. Chi è pronto a dare all’Ucraina garanzie di adesione alla NATO?”, ha chiesto Zelensky in un discorso dopo l’invasione della Russia.

READ  Stoltenberg afferma che gli alleati della NATO forniranno più armi all'Ucraina

Ma per i paesi già nella NATO, il perno tedesco alla difesa potrebbe avere profondi effetti a catena a lungo termine.

Parlando domenica al parlamento tedesco, Schulz ha definito l’attacco della Russia all’Ucraina un “punto di svolta nella storia del nostro continente” e ha affermato che la Bundeswehr riceverà un pagamento una tantum aggiuntivo di oltre 110 miliardi di dollari, circa il doppio della Germania. bilancio della difesa l’anno scorso.

“Attrezzature migliori e più moderne, più personale e questo costa un sacco di soldi”, ha detto Schultz ai legislatori in una sessione privata.

Schulz si è impegnato a superare l’obiettivo di spesa per la difesa della NATO del 2% del PIL “d’ora in poi, ogni anno”. L’anno scorso, la Germania ha speso circa l’1,53% della sua produzione economica annuale per la difesa, ben al di sotto dell’obiettivo del 2% della NATO.

“Non solo stiamo perseguendo questo obiettivo perché abbiamo promesso ai nostri amici e alleati che aumenteremo la nostra spesa per la difesa al 2% della nostra produzione economica entro il 2024, ma lo stiamo anche facendo per noi stessi per la nostra sicurezza”, ha detto Schulz.

I piani dovranno ancora essere approvati dai legislatori, ma domenica sembrava esserci un ampio sostegno.

“C’è stato un risveglio, non solo da parte della classe politica, ma anche da parte degli elettori ordinari”, ha affermato Marcel Dersus, professore di scienze politiche tedesco e ricercatore presso l’Institute for Security Policy dell’Università di Kiel.

Poche ore dopo il discorso di Schulz al Bundestag, almeno 100.000 persone si sono presentate a Berlino per protestare contro l’invasione. Si estendeva dalla Colonna della Vittoria alla Porta di Brandeburgo, dove il Muro di Berlino divideva l’est e l’ovest.

Le bandiere e i colori ucraini erano dominanti, mentre altri portavano striscioni che denunciavano Putin e chiedevano alla NATO di imporre una no-fly zone. Molti tedeschi hanno accolto con favore il cambiamento nel tono del loro governo, ma sono rimasti delusi dal fatto che ci sia voluto così tanto tempo.

READ  Vitaly Gerasimov: secondo il ministero della Difesa ucraino è stato ucciso un secondo generale russo | Ucraina

“Olaf Schultz è in ritardo di due settimane per tutta questa roba”, ha detto Henning Ramke, 31 anni, di Berlino. “Il governo è sempre stato l’ultimo paese in Europa a stare dietro l’Ucraina”.

Durante le precedenti crisi, anche dopo l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014, la Germania ha esitato a entrare più apertamente in un confronto con un paese che ha contribuito a sconfiggere i nazisti. Le profonde relazioni economiche tra Germania e Russia risalgono a decenni fa e molti critici affermano che ha portato a una politica estera ortodossa che ha impedito a lungo all’Europa di criticare aspramente il Cremlino.

In segno dei profondi legami storici tra la Germania e l’ex Unione Sovietica, i manifestanti anti-russi che hanno affollato Berlino domenica hanno superato i carri armati sovietici che fiancheggiavano il Memoriale di guerra sovietico nel centro di Berlino.

Uno dei motivi della risposta deludente della Germania, agli occhi degli alleati, è stata la mancanza di sostegno popolare finora. I sondaggi d’opinione mostrano opposizione alle consegne di armi o una posizione più dura con la Russia. Thorsten Weiss ha condiviso questo punto di vista. Poi ha invaso la Russia, che ha descritto come “impensabile”.

“È una situazione difficile per la Germania. All’inizio mi sono opposto, ma da allora l’ho trovato buono e l’unico modo per fare qualcosa contro quello che sta succedendo”, ha detto il 60enne berlinese.

Il ritardo nella spesa per la difesa della Germania è stato a lungo difeso in tutto lo spettro politico tedesco, anche se i suoi alleati internazionali hanno espresso il loro dispiacere. I socialdemocratici di Schulz sono stati tra i principali oppositori di un aumento significativo della spesa.

Il capo di stato maggiore della Bundeswehr, il tenente generale Alphonse Meese, ha dichiarato la scorsa settimana che “l’esercito che posso comandare è in qualche modo indifeso” contro la Russia nel mezzo dell’attuale crisi. Le associazioni di difesa hanno avvertito che l’esercito tedesco era sottofinanziato e privo di equipaggiamento di base.

READ  Notizie COVID: aggiornamenti globali in tempo reale

I primi segni di una grave violazione della tradizione sono arrivati ​​sabato, quando la Germania ha annunciato che avrebbe inviato 1.000 armi anticarro e 500 missili Stinger in Ucraina e ha adottato restrizioni ad ampio raggio sulle banche russe che aveva precedentemente rifiutato.

La mossa ha anche aperto depositi di armi europei pieni di armi all’Ucraina, poiché Berlino ha mantenuto il suo veto su come le armi prodotte in Germania potrebbero essere utilizzate anche dopo che sono state vendute altrove.

“Questa è l’ultima porta che si chiude sul Cremlino”, ha detto il tenente generale in pensione Ben Hodges, che ha servito come comandante dell’esercito americano in Europa durante le amministrazioni Obama e Trump.

“Sarebbe un cambiamento drastico perché tutta l’Europa guarda a questo in un modo diverso”, ha detto. “L’Unione Europea ne ha scoperto il cuore e la spina dorsale”.

Hodges ha suggerito che la posizione europea è cambiata a causa della menzogna “categoriale” di Putin sull’invasione. Ha detto che gli alti funzionari che “volevano davvero credere che si potesse negoziare con loro” sono stati “umiliati”, “e sono molto arrabbiati per questo”.

Kearns ha affermato di ritenere che l’attacco russo all’Ucraina alla fine avrebbe portato all’eliminazione di Putin poiché il presidente russo è diventato sempre più isolato in patria e all’estero. Ma ha avvertito che l’Europa non può accontentarsi della posizione di Putin.

Con la NATO ora in una guerra per procura de facto con la Russia, ha affermato Kearns, i rischi di un’escalation involontaria aumentano, rendendo imperativo per le forze armate russe e occidentali comunicare tra loro. Ha detto che anche se l’Occidente continua ad aumentare la pressione sulla Russia, dovrà anche aiutarla a “navigare sulla scogliera” di un’invasione che sembra vacillare.

Michael Birnbaum a Washington e William Glucroft a Berlino hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.