Migranti, Mastella su Facebook: “Sì all’accoglienza, ma attenti a non innescare guerre tra ultimi”

Il sindaco di Benevento prende posizione sul caso migranti. Con un post pubblicato pochi minuti fa su Facebook difende il valore dell’accoglienza, ma mette anche l’accento sull’opportunità di “evitare eccessi” per non innescare “guerre tra ultimi e penultimi”.

Il riferimento sembra essere alle modalità di gestione dell’accoglienza dei migranti nel Sannio. Un business che nella provincia di Benevento è nelle mani di un uomo solo, Paolo Di Donato. Dopo la denuncia di Altrabenevento e il servizio del Fatto Quotidiano, venerdì scorso i carabinieri hanno realizzato il sequestro di una delle strutture di accoglienza di Di Donato proprio per falso certificato di agibilità.

Mastella era stato anche intervistato dal Fatto Quotidiano sul caso dell’ex conigliera, di proprietà del fratello del presidente del Consiglio comunale De Minico, ma concessa in locazione a Di Donato che l’aveva adibita a centro di accoglienza senza averne tutti i requisiti. Il sindaco aveva dichiarato di non essere a conoscenza della questione e non aveva più rilasciato dichiarazioni sul caso migranti, che subito dopo aveva innescato un tourbillon di polemiche.

Oggi Mastella interviene sul tema accoglienza con un post su Facebook e sentenzia: “Tutto va a gambe all’aria”.

Ecco cosa scrive: “Ed eccoci ad un problema di cui tanto si parla anche da noi: la presenza dei migranti. In nome della identità non possiamo perdere qua a Benevento la vocazione alla apertura. Ma con moderazione senza eccessi però, evitando il rischio di contrapposizione tra ultimi e penultimi. L’ accoglienza non è un affare di buon cuore ma uno stile di integrazione. Questo richiede pero ‘ rispetto per la nostra cultura, per i nostri valori altrimenti. Tutto va gambe all’aria”. 

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Enable Notifications    OK No thanks