Nazanin e Ashouri arrivano in Gran Bretagna dopo il calvario della prigione iraniana

L’operatore umanitario britannico-iraniano Nazanin Zaghari-Ratcliffe e Anousha Ashouri sono arrivati ​​​​in Gran Bretagna dall’Iran giovedì, ponendo fine a un calvario che si è trasformato in merce di scambio nei colloqui dell’Iran con l’Occidente sul suo programma nucleare.

Sono arrivati ​​​​alla base aerea militare britannica di Brize Norton nell’Oxfordshire, poco dopo l’una di notte ora locale, dopo essere tornati con una breve sosta ad Amman. Scesero insieme dall’aereo, sorrisero e salutarono mentre entravano nell’edificio del terminal.

“Sono state 48 ore davvero difficili”, ha detto il ministro degli Esteri britannico Liz Truss poco dopo l’arrivo alla base di Zaghari-Ratcliffe e Ashouri. “L’aspettativa era che sarebbero stati rilasciati, ma non eravamo sicuri fino all’ultimo minuto, quindi è stato molto emozionante ma anche un momento felice per le famiglie”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il primo ministro Boris Johnson ha celebrato il rilascio della coppia su Twitter all’inizio della giornata.

“Sono lieto di confermare che l’ingiusta detenzione di Nazanin Zaghari-Ratcliffe e Anousha Ashouri in Iran è terminata oggi e che ora torneranno nel Regno Unito”, ha detto Johnson in un tweet.

Il marito di Zaghari-Ratcliffe, Richard, ha detto che la lunga prova sembra essere finalmente giunta al termine. “È solo l’idea che possiamo tornare ad essere una famiglia normale, che non dobbiamo continuare a litigare, che questo lungo viaggio sta volgendo al termine”, ha detto a Reuters fuori dalla sua casa londinese prima che sua moglie sbarcasse.

Una dichiarazione della famiglia Ashouri ha ringraziato tutti coloro che hanno lavorato per il suo rilascio. “1672 giorni fa, le fondamenta della nostra famiglia furono scosse quando nostro padre e nostro marito furono ingiustamente arrestati e portati via da noi.

READ  Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha detto alla CNN che la Russia ha commesso degli "scivolamenti" nell'invasione dell'Ucraina

“Ora non vediamo l’ora di ricostruire quelle stesse fondamenta con la pietra angolare di nuovo a posto”.

Antonio Zabula, amministratore delegato della Thomson Reuters Foundation, datore di lavoro di Zaghari-Ratcliffe, ha affermato che il suo rilascio è stato “un raggio di luce e di speranza” in un momento in cui il mondo era in subbuglio. La Fondazione è un’organizzazione di beneficenza che opera indipendentemente da Thomson Reuters e dalla sua testata giornalistica, Reuters.

A febbraio, mentre i mesi di trattative per rilanciare l’accordo nucleare del 2015 si avvicinavano a un accordo, l’Iran, che detiene dozzine di persone con doppia cittadinanza occidentale, si è detto pronto a scambiare prigionieri in cambio della revoca dell’embargo sui beni congelati e del rilascio di gli iraniani detenuti. nelle carceri occidentali.

I colloqui sul nucleare erano sull’orlo di un accordo 11 giorni fa, quando le richieste russe dell’ultimo minuto di garanzie globali che avrebbero annullato le sanzioni imposte dopo l’invasione dell’Ucraina hanno fatto deragliare i negoziati.

I diplomatici affermano che la Russia ora sembra aver ristretto le sue richieste per includere solo il lavoro relativo all’accordo nucleare, lasciando un piccolo numero di questioni da risolvere tra Washington e Teheran.

Separatamente, la Gran Bretagna ha affermato che l’attivista ambientale iraniano-americano detenuto Morad Tahbaz, che detiene anche la cittadinanza britannica, è stato rilasciato dopo un congedo mercoledì.

READ  Gli Stati Uniti affermano che la Russia potrebbe creare un pretesto per attaccare l'Ucraina

debito della petroliera

L’agenzia di stampa semi-ufficiale iraniana Fars ha dichiarato che Zaghari-Ratcliffe e Ashouri sono stati rilasciati dopo che la Gran Bretagna ha pagato debiti storici.

I dirigenti del clero iraniano affermano che la Gran Bretagna deve all’Iran 400 milioni di sterline (520 milioni di dollari), che l’ex monarca iraniano, lo Scià, ha pagato per 1.750 carri armati e altri veicoli, quasi nessuno dei quali è stato consegnato dopo che la rivoluzione islamica del 1979 ha rovesciato le forze armate sostenute dal Stati Uniti. Capo.

Truss ha detto che la Gran Bretagna stava studiando modi per ripagare il debito.

“Abbiamo la più profonda ammirazione per la determinazione, il coraggio e la determinazione mostrati da Nazanin, Anousha, Murad e dalle loro famiglie”, ha detto in una nota. “Hanno affrontato difficoltà che nessuna famiglia dovrebbe vivere, e questo è un momento di grande conforto. .” affermazione.

“In parallelo, abbiamo anche saldato il debito dell’IMS, come avevamo detto che avremmo fatto”, ha aggiunto, riferendosi al debito dell’equipaggiamento militare. Ha aggiunto che il debito era stato completamente saldato in linea con le sanzioni internazionali imposte all’Iran e che i fondi sarebbero stati coperti per acquistare “beni umanitari”.

Il principale diplomatico iraniano, Hossein Amirollahian, ha dichiarato mercoledì che la Gran Bretagna ha pagato i suoi debiti alcuni giorni fa, negando qualsiasi legame tra il pagamento e il rilascio dei prigionieri.

Visita vietata

Le difficoltà prolungate di Zaghari-Ratcliffe sono iniziate con il suo arresto da parte delle Guardie Rivoluzionarie all’aeroporto di Teheran il 3 aprile 2016, mentre cercava di tornare in Gran Bretagna con la figlia Gabriella di 22 mesi dopo aver visitato un capodanno iraniano con i suoi genitori.

READ  Il giornalista della CNN descrive le sfide legate alla copertura del conflitto in Ucraina

Più tardi, un tribunale iraniano l’ha condannata per aver complottato per rovesciare l’establishment religioso. La sua famiglia e la fondazione hanno negato l’accusa.

Ashouri è stato condannato a 10 anni di carcere nel 2019 per spionaggio per conto del Mossad israeliano e due anni per “ottenimento di fondi illegali”, secondo la magistratura iraniana.

La Thomson Reuters Foundation ha affermato che Zaghari-Ratcliffe si era recata in Iran a titolo personale e non lavorava in Iran.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Riferisce Paris Hafezi). Rapporti aggiuntivi di Dan Whitcomb, Eric Beech e dell’ufficio del Regno Unito. Scritto da Michael Georgi e Samia Nakhoul. Montaggio di John Boyle e Jerry Doyle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.