Putin riconosce le aree ribelli in Ucraina, l’Occidente aderisce alle sanzioni

  • Ucraina e Occidente in allerta, la Russia crea un pretesto per l’invasione
  • La Casa Bianca afferma che il vertice è possibile solo se la Russia non invade
  • Mosca afferma che veicoli blindati ucraini hanno cercato di entrare in Russia
  • Kiev definisce le accuse russe “fake news”
  • Il rublo supera gli 80 contro il dollaro mentre Putin si rivolge alla nazione

MOSCA (Reuters) – Il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto lunedì due regioni separatiste nell’Ucraina orientale come entità indipendenti, provocando nuove sanzioni da parte di Stati Uniti ed Europa e alzando il livello in una crisi che l’Occidente teme per una grande guerra.

In un lungo discorso televisivo, Putin, che sembrava visibilmente arrabbiato, ha descritto l’Ucraina come parte integrante della storia della Russia e ha detto che l’Ucraina orientale era un antico territorio russo e che era fiducioso che il popolo russo avrebbe sostenuto la sua decisione. Per saperne di più.

La televisione di stato russa ha mostrato che Putin, insieme ai leader dei separatisti sostenuti dalla Russia, sta firmando un decreto che riconosce l’indipendenza delle due regioni separatiste ucraine insieme ad accordi di cooperazione e amicizia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Sfidando gli avvertimenti dell’Occidente contro una tale mossa, il Cremlino ha affermato che Putin aveva annunciato la sua decisione in precedenti telefonate ai leader di Germania e Francia, entrambi i quali avevano espresso delusione, secondo il Cremlino.

La mossa di Mosca potrebbe silurare un tentativo dell’ultimo minuto di tenere un vertice con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per impedire alla Russia di invadere l’Ucraina. Il rublo ha esteso le sue perdite mentre Putin parlava, scendendo a un certo punto a oltre 80 contro il dollaro. Per saperne di più

READ  Biden si dice ora convinto che Putin abbia deciso di invadere l'Ucraina, ma lascia la porta aperta alla diplomazia

La Casa Bianca ha affermato che Biden emetterà presto un ordine esecutivo che vieta “nuovi investimenti, scambi e finanziamenti da parte di cittadini statunitensi nelle, da o nelle” regioni separatiste. La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato in una dichiarazione che la decisione “fornirà anche il potere di imporre sanzioni a chiunque sia determinato a operare in queste aree dell’Ucraina”.

Psaki ha affermato che presto verranno prese altre misure e che le misure in preparazione in risposta al decreto di Putin sono separate dalle sanzioni per le quali gli Stati Uniti ei loro alleati erano pronti se la Russia avesse invaso l’Ucraina.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno affermato in una dichiarazione congiunta che l’UE “risponderà imponendo sanzioni a coloro che sono coinvolti in questo atto illegale”.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha accusato la Russia di continuare ad alimentare il conflitto nell’Ucraina orientale e di “cercare di pretesto” un’altra invasione. La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014.

Nel suo discorso, Putin ha approfondito la storia dai tempi dell’Impero Ottomano e fino alle tensioni sull’espansione verso est della NATO, un grave fattore irritante per Mosca nell’attuale crisi.

READ  Chiudere l'ambasciata americana a Kiev e trasferire i restanti diplomatici in Occidente tra i timori di un'invasione russa

Con la sua decisione, Putin ha ignorato gli avvertimenti occidentali secondo cui una tale mossa sarebbe stata illegale e avrebbe ucciso i negoziati di pace e avrebbe portato a sanzioni contro Mosca.

“Ritengo necessario prendere una decisione che avrebbe dovuto essere presa molto tempo fa: il riconoscimento immediato dell’indipendenza e della sovranità della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Luhansk”, ha affermato Putin.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Kevin Levy, Peter Graf, Frank Jack Daniel e Matt Spitalnick; Montaggio di Hugh Lawson e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.