Riverberi alla scoperta dei borghi sanniti

Si è appena conclusa la kermesse musicale che ha portato il jazz in alcuni comuni sanniti grazie al lavoro svolto da Luca Aquino, noto trombettista beneventano nonché ideatore e curatore del progetto, e dal suo team. La manifestazione si è svolta tra i Comuni di Apice, San Nazzaro, San Martino sannita, Paduli e Sant’Angelo a Cupolo, dove i riflettori si sono accesi su bravi artisti che hanno interpretato il jazz in maniera magistrale.

L’ultima data sabato 26 maggio ha visto esibirsi sul palcoscenico un fine Eugenio Finardi accompagnato da Raffaele Casarano al sassofono e Mirko Signorile al pianoforte.
Una serata elegante durante la quale è stato possibile ascoltare non solo i famosi brani del noto artista interpretati in chiave jazz ma anche visitare il bellissimo Castello dell’Ettore, risalente all’ottavo secolo e da poco riaperto al pubblico a seguito di ristrutturazioni.
Il piccolo borgo fantasma è tornato a vivere e ora i visitatori possono fermarsi tra le sale del castello che ospitano il museo d’arte contemporanea e contadina e numerosi reperti archeologici. Inoltre, diverse sono le attività commerciali sorte nel centro storico tra cui ristoranti e b&b.
Un’occasione importante quella creata da Riverberi per dare lustro ai tanti borghi sanniti che andrebbero valorizzati con l’aiuto di chi può apportare un valore aggiunto attraverso la divulgazione dell’arte e della cultura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.