Rummo nel caos per carenza di anestesisti. Liste d’attese ferme all’estate scorsa

Ormai al Rummo la vera emergenza è la carenza di anestesisti.

Da circa un anno, l’ospedale lavora con un sotto organico di questi specialisti che sta portando al collasso le attività chirurgiche. Attualmente, il più grande nosocomio sannita può contare su 20 anestesisti, di questi 3 sono in congedo per maternità, mentre 3 sono ogni giorno in funzione al pronto soccorso di Sant’Agata de’ Goti.

Quindi, i medici a Benevento possono fare affidamento su 14 specialisti in anestesia. mentre per un funzionamento a regime della struttura ne occorrerebbero almeno 30. 

L’assenza di questi medici specialisti ha comportato un allungamento delle liste d’attesa, uno slittamento delle degenza, la fuga di pazienti presso altri ospedali, lo svuotamento di interi reparti e il netto rallentamento delle attività chirurgiche.

Reparti di eccellenza come Ortopedia, Urologia, Maxillofacciale e odontostomatologia, Chirurgia generale si sono visti ridurre l’attività chirurgica senza potervi porre rimedio; alcune liste d’attesa sono ferme all’estate scorsa. Una carenza che ovviamente si ripercuote sui livelli assistenziali del Rummo con pazienti costretti a rivolgersi ad altre strutture fuori provincia o regione. Tanto per fare un esempio, il reparto di Maxillofacciale è, insieme al Cardarelli di Napoli, una punta di eccellenza in regione per quanto attiene soprattutto alla traumatologia, ma per la carenza di anestesisti sta perdendo punti.

Davanti a tale carenza, i medici/chirurghi sono disperati, costretti ogni giorno ad una caccia all’anestesista. In realtà, non possono fare altro che allargare le braccia, per poi, giocoforza, incrociarle. Come soluzione tampone, qualche mese fa, la direzione generale diede il via libera ad una convenzione con i neuroanestesisti, con i quali si è poi consumata una rottura che ha fatto ripiombare nel caos l’ospedale. 

La settimana scorsa, Daniela Basile denunciò su Facebook che l’intervento di rimozione del tutore a una gamba veniva da mesi rinviato dall’ospedale per carenza dell’anestesista in sala operatoria. Uno slittamento che stava per costarle una gamba.

(LEGGI QUI LA SUA STORIA

 

 

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.