Sannio Tech e Università, parte la sfida per una ricerca scientifica all’avanguardia

Un centro di eccellenza, nel cuore del Sannio, dove giovani ricercatori portano avanti progetti e sperimentazioni di grande rilevanza scientifica.

Si è inaugurato, questa mattina, presso il  Consorzio Sannio Tech, diretto da Piero Porcaro, il Laboratorio per le ricerche nel campo della nutraceutica e nel settore biomedicali. 

Il Consorzio Sannio Tech, ormai da 30 anni, prova a coniugare ricerca scientifica e mondo produttivo. “Lo facciamoha spiegato Porcaro – in collaborazione con due Università, quella del Sannio e quella del Molise. Abbiamo fin dall’inizio creduto che solo mettendo in contatto saperi e esperienze sul campo si potesse creare sviluppo. Oggi siamo una realtà dinamica, smart e all’avanguardia. Il Laboratorio che inauguriamo oggi è un altro tassello nella nostra sfida complessiva. Oggi abbiamo 33 dipendenti e il 70 per cento dei nostro ricercatori è laureato all’Università degli Studi del Sannio“.

Qui affrontiamo lo sviluppo dei nuovi materiali, lavoriamo a progetti che riguardano alimentazione e nutraceutica, attingendo anche a fondi europeiha spiegato  il direttore Pasquale Vito, delegato alla ricerca dell’Università degli Studi del Sannio –. Grazie a bandi regionali abbiamo messo in piedi progetti di interesse oncologico,  in collaborazione con diversi dipartimenti dell’Università del Sannio”.

Il progetto presentato questa mattina è condotto in partenariato con l’Università degli Studi del Sannio.Tra i compiti di un’Università ha detto il rettore dell’Università del Sannio, Gerardo Canforac’è quello di promuovere la contaminazione tra saperi, competenze, energie e risorse. E’ quello che stiamo facendo con questo progetto di ricerca scientifica”.

Questo modello SannioTech, che mette in connessione università e mondo del lavoro, può arrestare la fuga dei cervelli. Bisogna imparare a fare squadra, soprattutto quando si è piccoli. Qui si intrecciano due piccole università  e un centro di ricerca, ora occorre costruire una forte sinergia con l’Industria e la Finanza”, ha sottolineato  il direttore del dipartimento di medicina e scienze della salute dell’Università del Molise, Ciro Costagliola. 

Il Consorzio Sannio Tech – ha detto Filippo Liverini, presidente di Confindustria – ha fatto progressi enormi, facendo da cerniera tra Università e Istituzioni, portando avanti progetti di ricerca all’avanguardia e che ci invidiano. Solo la connessione tra pubblico e privato, tra saperi ed energie può innestare sul nostro territorio, in cui insistono 58 start up, un processo di sviluppo altamente competitivo”. 

 

 

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo

Teresa Ferragamo, giornalista per vocazione, addetto stampa con il pallino della comunicazione prima di tutto. Dopo aver scritto per varie testate giornalistiche, ha fondato sanniopage.com, per dimostrare che un altro giornalismo è possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.